Juventus-Napoli 3-1. Partenopei cadono allo Stadium, bianconeri ora a +6

Il Napoli incassa la seconda sconfitta della stagione, cadendo in casa della Juventus che ora può tentare la prima minifuga della stagione, mettendosi a più sei sugli azzurri. Una squadra, quella di Ancelotti che ben si è espressa per circa venti minuti di gioco, trovando un palo e la rete del vantaggio, poi il ritorno della Juventus che tra primo e secondo tempo rimonta i partenopei che si tingono anche di rosso per poi crollare definitivamente su di un infausto corner.

AVVIO DINAMICO POI LA JUVENTUS- Ottimo approccio alla gara per il Napoli che nei primi cinque minuti di gioco riesce a mettere paura alla Juventus e sfiorando il vantaggio con Zielinski, che sfortunatamente colpisce solo un legno. Il palo è solo un preludio al gol perchè al decimo arriva la rete di Dries Mertens, che fa da terminale di un’azione innescata da un’errore di Dyabala. Gli azzurri spaventano i bianconeri per un buon quarto d’ora di gioco. Quando, però, inizia a macinare gioco la squadra piemontese, il Napoli subisce le iniziative rischiando qualcosa. Infatti, da un errore difensivo si innesca Cristiano Ronaldo, che manda al bar Hyasj e crossa perfettamente per la testa di Mandzukic che sigla la rete del pareggio e fa sparire la squadra azzurra dal campo, fino al fischio di fine primo tempo.

CR7, MANDZUKIC E IL ROSSO – Per sintetizzare il secondo tempo del Napoli potrebbe bastare questa azione della Juventus: Dybala corre palla al piede, l’unico a contrastarlo veramente è Ronaldo che prende la mira e colpisce il palo, la sfera finisce sui piedi di Mandzukic che ringrazia raddoppiando per i bianconeri. Il campione portoghese entra nella seconda rete, come nella prima. La gara per gli azzurri si complica quando Mario Rui, già ammonito, commette fallo su Dybala e va sotto la doccia anzi tempo. Bianconeri gestiscono la gara e il fiato, forti della superiorità numerica, mentre il Napoli prova la reazione con Callejon che vede le manone dell’estremo polacco Szczeny sulla strada del pareggio. Da una possibilità di rete azzurra, alla disfatta partenopea, azione d’angolo della Juventus, tocca Ronaldo e isacca Bonucci in scivolata. La terza rete subita dagli azzurri sarà anche l’ultima di questa amara trasferta all’Allianz Stadium di Torino.

JUVENTUS – NAPOLI: 3-1 (1-1 pt)

Juventus (4-3-1-2): Szczesny; Joao Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Matuidi, Pjanic, Emare Can (61′ Bentancur); Dybala (65′ Bernardeschi); Ronaldo, Mandzukic (84′ Cuadrado). A disposizione: Pinsoglio, Perin, Benatia, Barzagli, Kean, Rugani. Allenatore: Massimiliano Allegri

Napoli (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik (70′ Ruiz), Zielinski (61′ Malcuit); Insigne, Mertens (61′ Milik). A disposizione: D’Andrea, Karnezis, Verdi, Ounas, Luperto, Maksimovic, Rog, Diawara. Allenatore: Carlo Ancelotti

direttore di gara: il signor Luca Banti della sezione di Livorno
assistenti: i signori Lorenzo Manganelli della sezione di Valdarno e Gianlu ca Voto della sezione di Livorno
quarto uomo: il signor Marco Di Bello della sezione di Brindisi
V.A.R.: il signor Michael Fabbri della sezione di Ravenna
A.V.A.R.: il signor Alesasndro Giallatini della sezione di Roma 2

reti: 10′ Mertens (N), 26′, 49′ Mandzukic (J), 77′ Bonucci (J)
ammoniti: Mario Rui (N), Koulibaly (N), Hysaj (N), Bonucci (J), Insigne (N), Joao Cancelo (J), Alex Sandro (J)
espulsi: Mario Rui (N)
corner: 7-2
recupero: 1’pt, 5’st
spettatori: 39.252 di cui 700 a sostegno del Napoli (record d’incasso campionato di Serie A)

Dall’Allianz Stadium di Torino, Gianfranco Collaro