JuveCaserta. Violenza e aggressioni: botta e risposta con il Talos Basket Ruvo

Non solo Paganese-Caserta. Anche a Ruvo di Puglia si è incendiata l’atmosfera, questa volta non prima dell’incontro, ma al termine. Sembrerebbe, infatti, che al termine della gara un giocatore della JuveCaserta si sia rivolto ai tifosi locali mostrando il dito medio.

La risposta del Palazzetto è stata tutt’altro che accogliente: ne sono seguiti insulti e una rissa. La JuveCaserta già nella serata di ieri ha diffuso un comunicato stampa nel quale denunciava un’aggressione ai propri tesserati nei pressi degli spogliatoi. Secondo quanto riporta il presidente dei bianconeri Francesco Farinaro a CasertaNotizie, sarebbero stati una trentina coloro che si sono macchiati di aggressioni nei confronti dei tesserati casertani.

Dopo gli episodi di Pagàni, questa sera, al termine della partita a Ruvo di Puglia, i nostri atleti sono stati aggrediti da un manipolo di delinquenti al rientro negli spogliatoi ed all’interno dell’area esclusa ai non autorizzati dai regolamenti.

Quanto accaduto ci lascia basiti, ed apre riflessioni serissime su come gli eventi sportivi diventino spesso teatro di violenze..
Quanto accaduto sarà ulteriormente approfondito al fine di attuare i doverosi atti di denuncia nei confronti di chi ha commesso tali vili azioni e su chi non ha fatto il necessario per impedirli.
Fa male, molto male, dover assistere a simili scene e la società farà tutto il possibile affinché chi di dovere intervenga per i doverosi provvedimenti conseguenti.
Vergogna!
-Comunicato Stampa JuveCaserta Basket-

Ci sarebbe anche un trasporto in ospedale. Si tratterebbe di Valerio Tranfa, arrivato al pronto soccorso per accertamenti. ruvo di puglia-juvecaserta basket

Non tarda ad arrivare la replica da parte della società pugliese, che nel pomeriggio ha diramato un altro comunicato stampa, nel quale respinge le accuse al mittente, specificando che non sarebbe stata l’aggressione, ma solo un tentativo subito disinnescato da dirigenti e Forze dell’Ordine presenti.

In riferimento a quanto scritto dalla società Juvecaserta e diffuso in maniera totalmente disinformata da alcuni media locali, la Tecnoswitch Ruvo si riserva di difendersi nelle sedi opportune verso chi fornisce versioni distorte dalla realtà.

Troviamo semplicemente vergognoso quanto disegnato ad arte da giornalisti che non erano neanche presenti sul parquet e che hanno diffuso un’immagine di una Ruvo violenta, che aggredisce gli avversari, di una società che non si oppone a tutto ciò.

Questo è semplicemente vergognoso. Un disegno ad arte mirato a cancellare i meriti cestistici di tutto l’ambiente biancoazzurro.

Forse nel concitato post partita a molti è sfuggito il gesto antisportivo di un tesserato casertano il quale si è rivolto in maniera molto “educata” verso la tifoseria locale. Dal parterre, purtroppo, sono partiti gli sputi, totalmente vili e che condanniamo fortemente. Come documentato da immagini televisive, gli atleti di Caserta, dopo aver attraversato il tunnel che conduce agli spogliatoi, sono rientrati in campo e a quel punto qualche facinoroso ha tentato di entrare in contatto con loro, impatto evitato per l’intervento di dirigenti e forze dell’ordine lì presenti.

Condannando e ribadendo il “no” ad ogni forma di violenza, va specificato che in campo bisogna avere un comportamento sempre rispettoso, onde evitare spiacevoli code sportive. Gli animi erano stati già sollecitati quando all’inizio dell’intervallo un giocatore avversario aveva affrontato “faccia a faccia” un nostro tesserato, tanto da essere richiamato dagli arbitri. Non è una giustificazione certo, ma bisogna essere responsabili delle proprie azioni prima di fare la “morale” agli altri.

A scanso di equivoci, ribadiamo ulteriormente ogni nostra condanna alla violenza, espressa in ogni sua forma!

Nessun episodio violento ci ha visti protagonisti negli ultimi anni, in cui abbiamo lavorato sodo per costruire il nostro progetto fondato su principi e valori esemplari. Innumerevoli le nostre iniziative tese a riempire il palasport di bambini e famiglie, a cui ieri non è stato dato un bell’esempio, in campo e fuori. Non accettiamo che passi l’immagine di una Ruvo aggressiva e violenta, per voglia di raccontare i fatti in maniera totalmente distorta.

Abbiamo riempito il PalaColombo di famiglie e bambini come dimostrano i 1500 ticket distribuiti nelle scuole ruvesi. Settimanalmente lavoriamo sui valori dello sport in ogni istituto scolastico della città proprio, perché per noi lo sport è sinonimo di lealtà, di rispetto, di attenzione verso il prossimo. Accanto agli insegnanti e al futuro della nostra città.

Per cui condanniamo l’accaduto, ma non accettiamo fantomatiche ricostruzioni e menzogne divulgate in queste ore. La società si riserva di difendersi nelle sedi opportune a tutela della propria immagine e di quella della città e chiude qui ogni ulteriore polemica su questo versante.

-Talos Basket Ruvo di Puglia-