Juve Stabia. Tutti i nomi per il dopo Di Somma

In casa Juve Stabia le dimissioni improvvise del Diesse Di Somma hanno avuto lo stesso effetto di un fulmine a ciel sereno, sorprendendo tutti o, sarebbe meglio dire, quasi tutti. Infatti il Patron Manniello ha lasciato intendere che la notizia non lo ha colto certo di sorpesa. In un’intervista rilasciata a TuttoJuveStabia.it il Presidente ha infatti dichiarato: Non sono sorpreso, mi aspettavo le dimissioni di Di Somma. Tutti pensavano che il rinnovo del contratto dell’ormai ex Direttore Sportivo delle Vespe, contratto scaduto lo scorso 30 giugno, fosse una pura formalità, ma, evidentemente, non era cos√¨ soprattutto per il Patron, secondo il quale : “Il calcio è fatto di rapporti che prima o poi finiscono: quello con Di Somma era arrivato al capolinea. Invito tutti a mantenere la calma, nei prossimi giorni spiegheremo la situazione attraverso un comunicato stampa. A questo punto tutti si interrogano sul perch√© della conclusione di questo rapporto durato tre anni durante i quali, proprio Di Somma, era stato tra i protagonisti della promozione in B contribuendo poi, con operazioni di mercato sempre ben mirate e mai folli, alla permanenza dei gialloblu nella serie cadetta. I maligni insinuano che Il Diesse sia troppo legato ai Giglio e, con l’abbandono della società da parte di questi ultimi, Manniello voglia riempire la casella del Direttore Sportivo con qualche suo uomo di fiducia. Fatto sta che fino alla fine Di Somma ha dimostrato grande professionalità e dedizione alla causa, portando a termine trattative importanti come quella per Di Carmine, e facendo la spola tra Castellammare e Milano per chiudere operazioni ed avviarne di nuove. Ora si apre il toto-successori: i più accreditati a ricoprire il ruolo di Diesse sono Vito Giordano, già a Castellammare durante la gestione Cesarano, e, soprattutto, Gigi Pavarese, che ha ricoperto tale incarico all’interno dell’organigramma societario stabiese nella stagione 2009-2010, contribuendo, anche se indirettamente, alla promozione in Prima Divisione.

Condividi