Juve Stabia-Reggina. Vittoria in rimonta per le vespe

Nell’anticipo della diciottesima giornata di campionato la Juve Stabia accoglie al Menti la Reggina. Squadre dallo stesso obiettivo ma in due posizioni di classifica differenti. Le vespe sono a 25 punti, grazie proprio alla vittoria sugli amaranto, in quinta posizione. La squadra di Maurizi, invece, lotta per riuscire a stare lontano dalla zona play-out.

Una vittoria che serve ad entrambe ma che va proprio alla Juve Stabia. La partita è accesa e la prima occasione è dei gialloblu, con Canotto involato in contropiede che va a servire Paponi. L’attaccante viene anticipato, il gol sfuma. Al 16′ passa in vantaggio la Reggina con un contropiede che porta Fortunato a segna il vantaggio. La Juve Stabia reagisce e prova a trovare il vantaggio. Uomo più pericoloso è proprio Canotto, che non riesce ad arrivare al gol del pareggio.

Nel secondo tempo Juve Stabia in avanti e al 17′ arriva il pareggio con Viola. La parità non basta ai padroni di casa che alzano i giri alla ricerca di una completa rimonta che proietterebbe i gialloblu più alto in classifica e abbondantemente in zona play-off. Al 28′ arriva la rimonta delle vespe con Bianchetti che segna il gol del 2-1 valevole per la vittoria della Juve Stabia.

TABELLINO

Juve Stabia-Reggina 2-1 (parziali 0-1 pt; 2-0 st)

Juve Stabia (4-4-2): Branduani; Nava, Redolfi, Bachini, Crialese; Canotto m(86‚Ä≤ Allievi), Mastalli, Viola, Lisi; Paponi (90‚Ä≤ Costantini), Simeri (68‚Ä≤ Stefezza). A disposizione: Bacci, Awua, Allievi, Capece, Costantini, Gaye, Matute, Berardi, Strefezza, Zarcone, Calò, D’Auria. Allenatore: Ferrara-Caserta

Reggina (4-3-1-2: Cucchietti; Pasqualoni, Laezza, Gatti, Solerio; Marino, Mezavilla, De Francesco (76′ Sparacello) ; Fortunato (83′ Di Livio); Tulissi, Bianchimano. A disposizione: Licastro, Turrin, Di Livio, Auriletto, Tazza, Di Filippo, Amato, Sparacello. Allenatore: Maurizi

Ammoniti: 32′ Fortunato

Marcatori: 16′ Fortunato, 62′ Viola, 73′ Bachini

Arbitro: Daniele De Santis Di Lecce; Assistenti: Mazzei di Brindisi e Salvatori di Roma

Redazioni

Condividi