Juve Stabia. Mancati pagamenti Irpef, penalizzazione in arrivo

Arriva una brutta notizia in casa Juve Stabia. La società gialloblù del presidente Andrea Langella è stata deferita dalla Procuratore Federale in seguito ad una segnalazione della COVISOC. Il club campano è reo di non aver rispettato la scadenza per il versamento di ritenute Irpef e contributi INPS relativo ai propri tesserati. Questo, quasi sicuramente, costerà dei punti di penalità in classifica.

LA NOTA UFFICIALE

“Il Procuratore Federale, a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare gli Amministratori unici e legali rappresentante pro-tempore di Reggina (Serie B) e Juve Stabia (Girone C di Serie C), Luca Gallo e Filippo Polcino “per aver violato i doveri di lealtà, probità e correttezza in ordine al mancato versamento, entro il termine del 16 febbraio 2022, delle ritenute Irpef riguardanti gli emolumenti dovuti ai tesserati per il periodo marzo-ottobre 2021 e dei contributi INPS riguardanti gli emolumenti dovuti ai tesserati per il periodo giugno-ottobre 2021 (Juve Stabia) e luglio-ottobre 2021 (Reggina) e comunque per non aver comunicato alla CO.VI.SO.C entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi INPS sopra indicati. In relazione a poteri e funzioni dello stesso, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi”.