Juve Stabia. Domenica il via al campionato BeSports: ecco chi sarà il player delle vespe

Con i campionati bloccati a causa dell’emergenza Coronavirus, tuttora una vera e propria piaga per l’intero globo terrestre, la Serie B è pronta a dare spettacolo con una nuova e particolare iniziativa chiamata BeSports. La Lega per esorcizzare questo momento tutt’altro che facile, ha deciso di dare inizio al torneo eSports del campionato cadetto. I 20 team della Serie B, gli stessi che prima dell’epidemia si fronteggiavano ogni weekend negli stadi della seconda divisione nazionale, non si sfideranno sui consueti campi da calcio, ma si daranno battaglia a colpi di joystick attraverso le console. Il torneo eSports si disputerà su Pes 2020, licenziatario esclusivo dei diritti della Serie BKT nel mondo dei videogiochi per la stagione 19/20. L’organizzazione e la gestione dell’intero progetto è stato prodotta da A.C.M.E e da MKERS. Due società rispettivamente esperte nell’organizzazione di eventi e di attività legate  al settore eSport.

A prendere, ovviamente, parte al torneo, sarà anche la Juve Stabia. Le vespe hanno aderito con grande entusiasmo all’iniziativa fortemente voluta dalla Lega B. Il campionato BeSports vedrà la luce domenica 5 aprile, ovvero, quando verrà sorteggiato il calendario. A rappresentare i colori gialloblù sarà il “Pro Player” Maurizio Sarcina del Team Revolution, con il quale la società termale ha sottoscritto un contratto di collaborazione. Sarcina, amante anche del calcio giocato (milita in promozione), è una delle punte di diamante del team. Il player delle vespe, professionista da ben tre anni, è tra i 16 migliori videogamer in Italia essendosi qualificato innumerevoli volte alle finali nazionali della PESleague.

Del torneo in questione, ha parlato proprio il presidente gialloblù, Andrea Langella: “Abbiamo colto questa opportunità per diverse ragioni. Ovviamente, in un momento così particolare gli e-Sports hanno una valenza importante perché possono aiutare, seppur in maniera virtuale, a mantenere vivo il sostegno per la propria squadra del cuore, ma soprattutto in prospettiva questo tipo di attività potrebbero fidelizzare ai nostri colori un pubblico giovane che oggi si sta allontanando dagli stadi e del quale sentiamo di avere invece crescente bisogno. Sempre in tema di e-Sports sono in cantiere altre iniziative che coinvolgeranno i calciatori delle squadre di B e noi ci faremo trovare pronti per recitare un ruolo importante anche in questo tipo di competizioni che, come detto, possono avvicinare al nostro club i tifosi del futuro”.

Nunzio Marrazzo