Herculaneum. Mignano sul divieto di trasferta al Giraud: “Sarebbe una sconfitta dello sport”

Testa bassa, umiltà e lavoro. Tutti hanno assimilato il pensiero di Marco Mignano, direttore sportivo “operaio” di un Herculaneum che vuole continuare con gli ottimi risultati di questa prima parte di stagione. La notizia del giorno, però, è che i tifosi dell’Herculaneum potrebbero non assistere al big match contro il Savoia, poichè “a rischio” secondo le autorità competenti: Bilancio delle prime nove giornate? Credo che questo, – afferma Mignano – sia uno dei campionati più forti e competitivi degli ultimi anni, con un Savoia fortissimo, squadra dal grande blasone e dal grande pubblico e un ottimo allenatore in panchina. Attenzione però al Portici, io e la società abbiamo sempre pensato che anche loro siano tra le contendenti al titolo. Faccio i complimenti al mister Borrelli e al diesse Stiletti, hanno costruito una squadra forte che non definirei più come sorpresa, ma come vera e propria realtà che punta a vincere il campionato e che non può più nascondersi e assieme alla Caivanese penso che possa puntare ai piani altissimi. Momento in casa Herculaneum? Sappiamo benissimo di essere una buona squadra, ma rimarremo sempre con i piedi per terra e andremo avanti per la nostra squadra mantenendo una mentalità “operaia” e soprattutto stando attenti ai pericoli, che sono sempre dietro l’angolo. Fino ad ora non abbiamo fatto nulla, dobbiamo tenere i piedi ben saldi per terra, lavoreremo per i nostri presidenti Mazzamauro e Annunziata e per il nostro grande pubblico. Ogni squadra che ci affronterà farà la partita della vita, stare al primo posto è una grande responsabilità, tutte le partite possono essere difficili e non dobbiamo mai dare nulla di scontato, con la mentalità giusta possiamo continuare ad ottenere risultati, raggiungibili solo con il lavoro. Squillante? Sapevamo già che era un allenatore di grande esperienza e che sa il fatto suo, dobbiamo essere compatti e fare cerchio attorno a lui, ascoltando i suoi dettami”. La notizia del giorno è che il match tra Savoia e Herculaneum potrebbe subire un divieto di trasferta per i tifosi ospiti. L’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive, su segnalazione della autorità locali di pubblica Sicurezza ha rinviato la decisione al CASMS: “Pensiamo prima al match con la Sibilla – afferma Mignano – dopodichè ci concentreremo sul Savoia. Certo, sarebbe bellissimo vedere le due tifoserie sugli spalti, penso che in queste situazioni come sempre a perdere siano lo sport e l’immagine del calcio, giocare una partita del genere senza i nostri tifosi sarebbe una sconfitta che non meritano la nostra società e soprattutto i nostri tifosi che hanno sempre dato spettacolo sugli spalti, essendo un esempio di tifo pulito. Se si è giocato a porte aperte il match tra Savoia e Portici non vedo perchè a perderci debbano essere i nostri sostenitori, anche i nostri cugini di Caivano giocheranno a porte aperte dopodomani con lo stesso Savoia. Spero che le decisioni del CASMS non ci penalizzeranno”.

Ufficio stampa ASD A.V. Herculaneum 1924 – Dario Gambardella
Condividi