Giugliano in C, Ferraro: “Annata incredibile”, Poziello: “Emozione indescrivibile”

Al termine del successo contro il Monterotondo Scalo, che ha regalato la vittoria del campionato al Giugliano e la conseguente promozione in Serie C, sono arrivate le parole del nostro mister Giovanni Ferraro.

Di seguito le sue dichiarazioni:

“Sono felice, oggi abbiamo chiuso un percorso incredibile iniziato lo scorso 16 agosto. Ho avuto a disposizione un gruppo di ragazzi fantastici, professionisti esemplari. E’ stato un campionato difficile, dispendioso. Il girone G è un girone complicato dove le squadre giocano bene, ci sono trasferte lunghe anche logisticamente, è un raggruppamento che non auguro. Noi siamo stati bravi, sempre dente il campionato, in testa dalla prima giornata fino ad oggi.

Ringrazio la famiglia Mazzamauro che mi ha dato la possibilità di lavorare in una grande piazza come Giugliano e mi ha messo nelle migliori condizioni per poter svolgere il mio lavoro. Ringrazio il mio staff composto da persone speciali, i direttori, e tutti i dirigenti, ognuno di alto profilo. Personalmente riconquisto una categoria che mi ero guadagnato sul campo. Dedico la vittoria del campionato a mia figlia. Adesso vogliamo andare dalla nostra gente, rientrare in città. Godiamoci questo traguardo, la Serie C è nostra”. 

Di seguito le dichiarazioni del capitano Ciro Poziello:

“Quello che stiamo vivendo è incredibile, credo ce ne renderemo conto con il passare dei giorni. Questo è un gruppo fantastico, stiamo bene insieme sia dente che fuori il campo. Dal primo giorno abbiamo lavorato a testa bassa, con abnegazione. Nei nostri occhi c’è sempre stata la voglia di vincere questo campionato che ci siamo meritati dalla prima giornata. Adesso la Serie C è realtà. 

Grazie alla società e ad ogni singolo membro di questo club che ci ha fatto lavorare in modo perfetto. Tutti sono stati fondamentali. Per me che sono di Giugliano è un successo che ha un valore inestimabile. Questa è una città che ha sofferto, ma adesso merita questo successo storico. Abbiamo scritto la storia. Lo dedico a mia moglie e ai miei figli oltre che a tutta la mia famiglia. Ora abbiamo solo voglia di festeggiare con la nostra gente”.