Giugliano 1928. Pellerone dice addio, duro comunicato contro l’amministrazione comunale

Arriva il capitolo fine per il Giugliano 1928 dell’dott. Mario Pellerone. Il presidente dei gialloblù esce di scena e con lui il progetto calcistico tramonta definitivamente dopo la retrocessione in Eccellenza. A comunicarlo è stesso la società attraverso un duro comunicato contro l’amministrazione comunale, rea di aver avuto un atteggiamento irriguardoso nei loro confronti, oltre che a concedere lo stadio “De Cristofaro” anche alla società dei Mazzamauro, appellati come “campini italiani della migrazione”, che deve solo ufficializzare il nuovo nome della squadra.

Di Seguito il comunicato:

Il Presidente Dott. Mario Pellerone dopo una lunga riflessione e dopo essersi consultato con la compagine societaria ed il team tecnico, a seguito del comportamento irriguardoso, irrispettoso ed irresponsabile nei confronti della nostra società ASD F.C. Giugliano 1928, e dei cittadini di Giugliano da parte della Amministrazione Comunale ha deciso di abbandonare il progetto sportivo della società calcio Giugliano.

Tale decisione è stata presa a seguito delle inspiegabili ed illogiche decisioni di concedere lo stadio A. De Cristofaro non solo all’ASD F.C. Giugliano 1928 ma anche ad un’altra squadra che negli ultimi anni ha vinto il campionato italiano della migrazione del titolo di serie D, a discapito dei tifosi e delle città che lo hanno accolto.