Gelbison, c’è le reazione: superata la Virtus Francavilla

Dopo la sconfitta di Potenza, non era più tempo di scherzare per la Gelbison di De Sanzo, a secco di vittorie dal novembre 2022, che al Guariglia riceveva la Virtus Francavilla di Calabro reduce dalla vittoria col Foggia, ma che fuori casa aveva collezionato sinora solo due pareggi.

Tra i convocati di De Sanzo anche il nuovo acquisto Tumminello, ancora fuori Statella, D’ Agostino, Caccavallo e Mesisca. Assenti per squalifica anche Cargnelutti e Papa. Tutti a disposizione per i pugliesi tranne Cisco: l’ ala sinistra classe 98 è out per squalifica. Arbitrava il match Madonia di Palermo, direttore di gara trentenne alla prima designazione stagionale con le due squadre.

Per la Gelbison confermato Anatrella tra i pali, Granata prendeva il posto di Cargnelutti come braccetto difensivo con Loreto e Gilli. Nunziante sugli esterni con Uliano, Fornito e Onda interni, più spostato Graziani. Davanti De Sena ed Infantino. Nella Virtus Francavilla, davanti ad Avella è difesa a tre con Idda, Minelli e Caporale. Partiva dalla panchina Maiorino, titolare Cardoselli. Davanti, il consueto terminale offensivo dei pugliesi, Paterno.

La cronaca del match: al 4′ sventagliata dalla trequarti di Graziani, Avella non si fida della presa e respinge lateralmente. 5′: buona ripartenza cilentana, ma il destro di Infantino termina alto. All’ 8′, sugli sviluppi di un corner di De Marino, sponda aerea di Caporale per il tiro di interno piede ravvicinato di Patierno, alta di poco. 13′: ancora in avanti la squadra di Calabro, con uno strappo di Patierno, Gilli respinge il traversone basso poi Tchetchoua tira rasoterra da fuori, palla che non sapeventa Anatrella. 15′: si rifà rivedere la Gelbison, ancora con Graziani, ma la conclusione dell’ ex Agropoli si perde alta.

Al 17′ punizione interessante rasoterra di Caporale, bravo Antrella a respingere. Palla che arriva ad Idda, ma Granata ci mette provvidenzialmente il piede a ridosso della linea di porta. 25′: dalla mattonella dove segnò col Monopoli, punizione di De Sena, palla alta non di molto. Al 28′ bella palla di Caporale per la perfetta incornata di Patierno, prodigiosa la respinta dell’ ex Cavese Anatrella.
33′: spiovente in area degli ospiti, tiro da fuori di Caporale, blocca senza problemi il pipelet cilentano. Sempre dalla distanza sono le conclusioni interessanti della truppa di De Sanzo, a provarci dopo una discreta corsa, al 41′ è Onda, ma ancora una volta la palla termina alta sulla trasversale.

È l’ultima azione rilevante di un primo tempo sostanzialmente equilibrato, anche se la Virtus Francavilla ha avuto le occasioni pericolose. Il punteggio, tuttavia, rimane invariato sullo 0-0.

La ripresa: entra Correnti per Papa e subito ci prova dopo 2′ dal limite palla alta. 51′: punizione di De Martino, nessun problema per Anatrella. Al 55′ arriva il momento di Tumminello, il nuovo acquisto, che rileva Nunziante. Al 56′ però è la Virtus a sfiorare il gol: punizione di Tchetchoua e stacco di Caporale. Miracolo di Anatrella in corner. La Gelbison, tuttavia è viva, e al 59′ va vicinissima al gol. De Sena e Tumminello, non arrivano al tap-in, su palla invitantissima di Graziani.

La rete è nell’ aria ed arriva un minuto dopo. È Infantino ad insaccare su deviazione di una splendida conclusione dal limite di Loreto, dopo un batti e ribatti in area. Al 65′ ancora Loreto, scatenato, raddoppia per i cilentani. Corner di Fornito per la testa del classe 98, che non lascia scampo ad Avella. Un uno-due terribile dei cilentani che con l’ingresso di Tumminello hanno dato vivacità all’ attacco.

La Virtus, nonostante i vari cambi di Calabro, subisce il contraccolpo psicologico, per vedere una reazione va infatti aspettare i minuti 80 e 82′ con due deboli girate di Patierno. Ultimo brivido: punizione di Maiorino per la testa di Caporale, buona torsione e palla fuori di poco. Finisce però così, 2-0 per la squadra di De Sanzo. Una vittoria fondamentale per i rossoblu che tornano alla vittoria dopo oltre due mesi. Settimana prossima trasferta a Taranto.