Futsal Parete: l’intervista a mister Mangiacapra

60 punti in classifica. Campionato chiuso a +11 sulla seconda. 153 gol fatti e 68 subiti che hanno assegnato la palma di miglior attacco e miglior difesa. In squadra il capocannoniere Basile, capocannoniere con 49 segnature, quasi un terzo dei gol della squadra.
Insomma, una sfilza di numeri che parlano chiaro della straordinaria cavalcata che ha proiettato il Futsal Parete alla massima categoria regionale. Un torneo senza sbavature che ha visto i rossoblu cadere solo due volte e in trasferta (Leoni di Acerra e Real Caivanese n.d.r.), un campionato incredibile e forse irripetibile. Oltre alla Prima Squadra anche la Juniores è stata artefice di un campionato da protagonista, che l’ha vista arrivare ai playoff regionali. Sugli scudi il giovane trainer Giuseppe Mangiacapra, esperto calcettista e autentica rivelazione del torneo, che ha guidato entrambe le categorie. Lo abbiamo intervistato per voi.
Mister Mangiacapra è stato un campionato straordinario e forse irripetibile?
E stato un campionato straordinario curato nei minimi particolari con tanta professionalità e organizzazione infatti ringrazio tutti i calcettisti per essersi messi a mia disposizione per tutta la durata del campionato: si sono comportati da veri professionisti. Basile? E un ragazzo con un carattere particolare se continuerà ad allenarsi con professionalità allora si che farà la differenza anche in serie C1.

In ottica delle regole sull’utilizzo degli Under, avete facilitato la soluzione, attingendo dalla squadra giovanile. Oltre il portierino Fabbozzi, che ha difeso i colori della Rappresentativa Campania all’ultimo Torneo delle Regioni in Sardegna, quali altre sorprese?
Il progetto giovani è stato programmato dalla società, che ha deciso di farmi allenare anche la categoria Juniores per far crescere più velocemente i ragazzi. Fabbozzi ? Quest’anno purtroppo siamo riusciti a vederlo solo in rappresentativa, ma l’anno prossimo dovrà far vedere le proprie potenzialità, anche perche sarà affiancato da Domenico Mangiacapra che cercherà di trasferire al ragazzo tutta la sua esperienza. Ma la nostra Canteranon e solo Fabbozzi ci sono altri elementi all’altezza, tra questi ci sono Raffaele Dell’Aversana, Antonio Bortone e Agostino Costanzo. Effettivamente con la linea guida che ha virato sui giovani ci siamo facilitati la soluzione.

Il mercato impazza, comincia a circolare qualche nome, quali le strategie del club rossoblu?
Si, il mercato si sta facendo caldo, ma io personalmente non mi preoccupo più di tanto. Ho parlato con la società a cui ho fatto alcuni nomi, ma purtroppo per diversi motivi i calcettisti interpellati non hanno dato la propria disponibilità. Forse perch√© ci alleneremo tre volte alla settimana, e capisco bene che abbandonare casa e famiglia non è facile per tutti, specialmente per chi non abita nelle nostre vicinanze. In questi giorni valuteremo chi può andar bene per le nostre caratteristiche di gioco, ma se non troveremo nessuno, che dire: No problem. Penso che la mia squadra abbia la maturità giusta per affrontare un campionato di serie C1.

La vittoria della C1 come una maledizione: Macerone, Marianella, Afragola e ora il Granianum, il cui destino è ancora in forse. Qual’è il problema dal suo punto di vista?
Io personalmente non voglio criticare nessuno, ma penso che ormai sono diversi anni che le squadre di alta classifica hanno dei budget troppo alti, e per la crisi economica che abbiamo in Italia è anche normale che le squadre abbiano problemi economici nell’affrontare un campionato nazionale. La colpa non è di nessuno nello specifico, ma le società in toto dovrebbero programmare meglio i campionati, altrimenti non rischia il singolo ma tutta la disciplina va verso il fondo.

Quali sono gli obiettivi dichiarabili invece del progetto Futsal Parete 2013/2014?
Obiettivi? In realtà non abbiamo proprio parlato di traguardi da raggiungere, questa per noi è una sfida intrigante, ci alleneremo costantemente e vedremo cosa saremo capaci di fare. Una cosa è certa: non sottovaluteremo nessuno.

Ha la possibilità di cambiare le regole del calcio a cinque, cosa proporrebbe?
La prima cosa che cambierei è la regolamentazione per i campi da gioco, questo √© uno sport indoor, perciò eliminerei tutti i campi in erba sintetica, anche in C1. Poi ci sarebbero tantissime cose da cambiare, ma l’aspetto fondamentale da sistemare è l’ambiente. Dobbiamo avere persone qualificate che al sabato vadano sui campi non per creare casino, questo è uno sport dove tutti devono poter venire nei palazzetti con bambini e mogli, per vedere una disciplina fantastica di cui tutti noi siamo innamorati.

Il giocatore incedibile per mister Mangiacapra?
Penso che i giocatori incedibili siano tanti, ma ora indico Raffaele Dell’Aversana, un forte e promettente Under 18.

La promessa ai suoi tifosi per l’anno che verra’?
La promessa agli ultras del Club Futsal Parete, cos√¨ sono denominati, non è facile farla, anche perch√© avendo una tifoseria da invidiare non voglio deluderli. Ad ogni partita ci sono più di duecento persone a riscaldare la nostra tendostruttura, una bolgia con cori e striscioni. A loro voglio solo dire che noi ci impegneremo al massimo, come fanno loro per noi ogni sabato, poi se si vince o si perde non posso assicurarlo, ma l’importante sarà divertirci come sempre tutti insieme.

La società ha lodato in pieno i risultati, ci dica sinceramente l’obiettivo richiesto dal Presidente per la stagione prossima?
Il problema non è cosa ha richiesto il Presidente, a dire il vero anche per la scorsa stagione chiedeva una salvezza tranquilla, poi è arrivata una vittoria entusiasmante. Il problema principale sono io perch√© non mi piace perdere, e quindi personalmente metterò tutta la mia passione ed il mio impegno cercando di vincere più partite possibili e alla fine tireremo le somme. Solo allora sapremo se avremo conquistato la salvezza o fatto qualcosa di più importante.
All’alba della nuova avventura Mister Mangiacapra sembra avere le idee ben chiare con la genuina voglia di mettersi sempre in discussione. La redazione di Sport Campania rivolge un grosso in bocca al lupo al mister e a tutto il Futsal Parete!

 

Giuseppe Costantino

 

Condividi