F1. La “rossa” torna all’attacco, Alonso primo nelle libere in Canada

Domenica 8 giugno si correrà sul circuito di Montreal, in Canada e nella giornata di oggi le prove libere hanno dato il primo punto a favore della F14 T di Fernando Alonso. Come preannunciato negli ultimi giorni, la Ferrari avrebbe provato ad avvicinarsi alle Mercedes sfoderando degli aggiornamenti tecnici all’avanguardia. E cos√¨ è stato: nei 90 minuti a disposizione delle prove libere Alonso si è piazzato, senza difficoltà, al primo posto prima delle due Mercedes di Rosberg e Hamilton.
La Ferrari di questo inizio week-end è stata aggressiva sui cordoli, ben equilibrata con la trazione e più veloce delle altre monoposto. Con i suoi 16 millesimi di vantaggio sulla Mercedes di Hamilton e 146 millesimi su quella di Rosberg, Alonso è riuscito ad ottenere il miglior tempo sul circuito di Gilles Villeneuve a ben 20 minuti dal termine di chiusura con 1’17”238.
Male Kimi Raikkonen, posizionatosi al nono posto con più di un secondo di distacco dal compagno di squadra. Anche gli altri competitors della gara non sono sembrati agguerriti quanto Alonso: Vettel si è piazzato in quarta posizione, a 893 millesimi di ritardo dalla rossa dello spagnolo; quinto Valtteri Bottas e sesto Daniel Ricciardo, con la Williams; settimo e ottavo le due McLaren, rispettivamente con Button e Kevin Magnussen. Chiude la classifica dei primi dieci Jean Eric Vergne, con la Toro Rosso.
Tutti i piloti hanno utilizzato le mescole soft, mentre nella seconda saranno disponibili anche le supersoft, come a Monaco. Più di un errore si è verificato in queste prime prove, uno dei più seri è stato quello di Bianchi che, toccando un muro, ha rotto la sua sospensione, costretto a rientrare ai box con lentezza. Il tempo è risultato poco sereno, ma la pista è rimasta asciutta, anche se ci si aspetta pioggia per i prossimi giri.
Una prima risposta positiva per la stagione Ferrari che aveva investito molto nel Gran Premio del Canada. Un Mondiale non del tutto deludente potrebbe palesarsi all’orizzonte, quanto meno la Ferrari spera di avvicinarsi alle Mercedes puntando tutto sul prossimo Mondiale: Fernando, agguerrito più che mai, e Raikkonen, alla sua 200esima presenza in pista, daranno, secondo i pronostici, filo da torcere alle altre scuderie.

 

Elena Cuomo