Euro Cup. Il Posillipo vola a Zagabria, Cufino: “Ci siamo!”. Gallo: “Vogliamo ripeterci”

Con la prima partita di semifinale che si giocherà domani 22 febbraio alle ore 20,00 a Zagabria contro il HAVK Mladost, il DOOA Posillipo giunge ad un punto di svolta molto importante della propria stagione.

Forte è la tensione, ma anche la consapevolezza dei propri mezzi e la serenità con la quale si affronta questo impegno e mister Cufino si fa portavoce del sentire della squadra: La sfida che ci attende a Zagreb contro una delle squadre più titolate al mondo, al di là della finale di Euro Cup posta in palio e che ci giocheremo in due partite, ha per il Posillipo tanti significati importanti. Su tutti, certamente quello di una rinascita e di un riproporci ad alto livello partendo da una strategia nuova, affascinante e difficile allo stesso tempo. Mai, infatti, negli ultimi anni si era riusciti ad arrivare cos√¨ in alto, in Europa ed in Italia con un gruppo cos√¨ giovane. Tante cose ancora dovranno migliorare e cambiare affinch√©, oltre che stare in alto, si portino vittorie e trofei a casa. Questo lo sa bene la squadra, lo sa il club e vorrei che fosse compreso anche dagli appassionati della nostra città. Ma stiamo sulla strada giusta, e lavorando sempre con maggiore intensità e razionalità, i tempi potrebbero anche accorciarsi senza stravolgere i progetti. E questo è il motivo per cui andremo a Zagabria sereni ma aggressivi per gettare nella partita tutto il duro lavoro a cui ci stiamo sottoponendo dallo scorso agosto. Gallo non sarà certamente al meglio della condizione fisica, ma sarà con noi pronto e generoso come sempre a dare il suo contributo in questi momenti importanti. Il Posillipo c’è!.

L’incontro appare quindi molto impegnativo per la giovane formazione rossoverde, soprattutto se si analizzano i numeri espressi in questa coppa dalla squadra croata che finora ha realizzato ben settanta reti subendone poco più di venti.

Riportiamo (per scaramanzia) un ricordo di capitan Gallo di un’altra partita altrettanto importante: Le partite contro la forte squadra croata, sono spesso state ricche di soddisfazioni per noi. Ricordo che era il 2006 e noi, dopo aver vinto alla Scandone con un discreto margine di vantaggio, andammo ad affrontare il Mladost a Zagabria con l’intenzione di contenere al massimo una possibile sconfitta per poter cos√¨ accedere ai quarti di finale. In realtà, nonostante le tante espulsioni a nostro carico, dominammo il match dall’inizio alla fine e uscimmo dall’acqua tra gli applausi del pubblico e con i complimenti di Ratko Rudic. Speriamo di poterci ripetere.

Intanto, nella serata di ieri, per il riacutizzarsi del problemi agli adduttori di Gallo durante la rifinitura, si è deciso di convocare anche Elio Russo. Difficile prevedere al momento l’impiego del mancino.

Arbitreranno l’incontro Michail SKALOCHORITIS (GRE) e Gabor Vogel (HUN)

– delegato Andrey Constantinov