Euro 2016. La Spagna chiude da seconda; la Turchia vince, aspetta e spera

Conclusi gli ultimi 90 minuti della fase a gironi per le squadre appartenenti al Girone D è ora di tirare le somme. La Spagna battuta dalla Croazia con il risultato di 2 a 1, termina al secondo posto, lasciando il primato proprio a Rakitic e compagni. Una partita tutta all’insegna degli “italiani”. Apre le danze Morata nei primi minuti del match. La Croazia prova subito a rispondere, in particolare con Rakitic che prova a sorprendere De Gea con un pallonetto che si stampa sulla traversa. Gioco a ritmo alto e molto aperto ai colpi di scena. Sul finale del primo tempo Kalinic regala il pareggio ai suoi. Nel secondo tempo, trama similare a quanto visto nella prima frazione di gioco. Le Furie Rosse, però, hanno l’occasione di allungare e raddoppiare per la concessione di un fallo in area. L’arbitro concede il penalty, che però, Ramos non riesce a trasformare. Nel finale il ritmo è incandescente. Perisic segna il gol vittoria, ma a pochi istanti dal triplice fischio la Spagna sciupa l’occasione per pareggiare con Silva.

Nell’altra partita, la Turchia riaccende le speranze per passare agli ottavi di finale ai danni di una Repubblica Ceca che torna a casa con un solo punto all’attivo. L’avvio è in favore della squadra di Vrba, ma i turchi di Terim con cinismo sfruttano e concretizzano la prima occasione utile. A marcare il gol è Yilmiz, azione nata da propensione offensiva di Mor. Reazione ceca, che si sviluppa con delle azioni offensive non concretizzate. Nel secondo tempo i ceci continuare a cercare il pareggio, ma non riescono a imbastire azioni pericolose. Al 65¬∞ minuto sugli sviluppi di una punizione battuta da Arda Turan, Tufan regala il raddoppio ai suoi. Nel finale c’è tempo anche per tentare una tripletta, ma al triplice fischio il risultato è di 0-2.