Equipe Campania. Nuovi arrivi per il roster di Mugnano

Si arricchisce di nuovi elementi il roster dell’AIC Equipe Campania di stanza al “Vallefuoco” di Mugnano. Dopo la bella stagione disputata con la Team Altamura, torna in gruppo Francesco Russo, centrale difensivo classe ’93 che in carriera ha vestito anche le maglie di Maceratese e Castrovillari.

L’esuberanza giovanile porta invece i volti dei numeri uno Marco Mola, classe ’99 che nell’ultima annata col Giugliano (la terza consecutiva coi gialloblù) ha totalizzato 24 presenze, Luigi Manno, classe 2000 ex Acr Messina e Anagni, ed Anthony Marino, classe 2000 ex Barano.

Si sono aggregati anche Mario Migliarotti, terzino sinistro classe 2001, Simone Siciliano, jolly di difesa classe ’99 ex Gladiator, e Antonio Illiano, esterno offensivo classe 2000 reduce dalla vittoria del campionato di Eccellenza col San Giorgio. È tornato all’Equipe anche il centrocampista classe ’95 Vincenzo Perna, tesserato dalla Nuova Napoli Nord dopo la ripresa del campionato di Eccellenza.

Con lui il fratello Alessio, centrale difensivo classe ’98. Dopo un lavoro atletico collettivo impartito dal tandem Franco Esposito-Pasquale Lubrano, il gruppo è stato diviso in due tronconi ognuno dei quali si è disimpegnato in una partitella a metà campo. A parlare a Casa Equipe Campania è stavolta Alfredo Varsi, attaccante classe ’94 su cui il Barletta di Francesco Farina aveva puntato per una veloce risalita in serie D, prima di venire eliminato in semifinale play-off dal Corato. “L’amaro in bocca resta perché questa rosa era stata costruita per vincere e anche per tutti gli opinionisti eravamo la squadra da battere – le sue parole -. Il problema Covid ha fatto in modo che il campionato fosse sospeso per poi riprendere con un’altra formula. Ci siamo ritrovati primi ma abbiamo perso la semifinale in casa. Purtroppo il calcio è questo. Si sa che nelle partite secche può succedere di tutto e magari un episodio ti condanna. Intanto mi preme ringraziare Antonio Trovato che ogni anno mette in moto la macchina Equipe Campania che per noi calciatori è utile e ci pone nelle condizioni di prepararci adeguatamente. Come sempre c’è uno staff, tecnico e organizzativo, competente. Noi atleti possiamo solo trarre beneficio da tutto ciò. Il mio futuro? Il Barletta si è preso un periodo di riflessione, io qualche proposta l’ho avuta e aspetto la soluzione migliore. Vorrei riavvicinarmi a casa per motivi familiari, ma tutto dipende da tanti aspetti”.