Emule, i trilli di MSN, Schumi in Ferrari e Scafati in A1. Com’era il mondo il 13 Aprile 2006

Il caffè di mercoledì mattina, dopo il più dolce risveglio degli ultimi anni, a Scafati porta anche una consapevolezza: non è stato un sogno, era tutto vero, anche se parecchi non se ne sono accorti perché a dormire non ci sono andati. La Givova Scafati Basket è in Serie A1.

La stessa sensazione Scafati l’aveva provata l’ultima volta in una notte di primavera del 2006, quella di giovedì 13 Aprile, data del primo approdo in massima serie commentata magistralmente dal compianto Franco Lauro, voce principe del Basket ai microfoni di Rai Sport.

franco lauro, basket, scafati

Diamo uno sguardo a com’era il mondo il 13 Aprile 2006.

Internet ha avuto il suo boom e la nuova rete ADSL sta iniziando a coprire quasi completamente la pianta della città di Scafati, ma ancora poche sono le connessioni in wi-fi e, ovviamente, non ci sono smartphone e whatsapp. Solo chiamate e sms per poter parlare con gli amici, anche se da qualche mese è letteralmente esploso MSN Messenger, il servizio di messaggistica istantanea lanciato da Microsoft e basato su connessione internet che permette di scrivere con i propri contatti, scambiare foto, video e mandare i famosi “trilli“. Una bellissima e apprezzatissima chicca è l’opportunità di poter organizzare, con pochi e semplici passaggi, un blog personale simile a quelli professionali; su quei blog, oramai cancellati e perduti, molti a Scafati hanno raccontato la promozione della compagine giallobleu, le magie di Wilson e Jamison, l’intelligenza di Stanic e Victoriano, le triple di Lauwers.

basket, scafati, msn

Su ogni pc, inoltre, è quasi sempre attivo il software eMule per la condivisione di file di grandezza elevata mentre da qualche mese in Italia è spopolata anche la piattaforma Youtube con il quale sarà possibile guardare video online senza l’esigenza di scaricarli appositamente; è qui che tutt’oggi è ancora visualizzabile, la sintesi di Scafati – Ferrara con il sottofondo di “I don’t want to miss a thing” degli Aerosmith, inizialmente pubblicata sul sito scafatinelbasket.it, capace di mettere i brividi anche a anni di distanza.

basket scafati

A ridosso della gara tra gli uomini di coach Valli e Ferrara l’Italia politica vive momenti di cambiamenti: Giorgio Napolitano diventa il nuovo Presidente della Repubblica mentre il 9 e il 10 Aprile si sono svolte le elezioni politiche che hanno visto la vittoria di misura della coalizione di centro-sinistra, guidata da Romano Prodi, su quella di centro-destra capitanata da Silvio Berlusconi; ancora presidente del Milan, Berlusconi chiederà anche un riconteggio dei voti, ma sarà costretto a lasciare la presidenza del consiglio dopo cinque anni.

Il giorno dopo, inoltre, a poco più di 48 ore dalla palla a due, viene arrestato Bernardo Provenzano, la “primula rossa” della mafia sicula. latitante dal 1963, trovato in un casolare nei pressi della sua Corleone al termine di un’indagine incentrata sull’intercettazione dei “pizzini”, i biglietti con cui il boss comunicava con il resto del mondo.

La Nazionale Italiana di Calcio ha in bacheca soltanto tre Coppe del Mondo. Per alzare al cielo la quarta bisogna attendere ancora qualche mese con la straordinaria spedizione vincente in terra tedesca con la bellissima semifinale contro i padroni di casa, il gol di Fabio Grosso nei supplementari, Caressa e Bergomi che urlano “Andiamo a Berlino” e i rigori contro la Francia, una rivincita divina per tutte le eliminazioni del decennio precedente, arrivate per ben tre mondiali consecutivi dopo i tiri dagli undici metri.

I piloti della Ferrari sono Felipe Massa e, soprattuto, Michael Schumacher. Il tedesco ha già scritto il capitolo forse più importante, sicuramente più vincente, della storia della scuderia rossa di Maranello, è stato nel 2000 il primo pilota a vincere un titolo iridato con le insegne del Cavallino Rampante dopo la dipartita del Drake Enzo Ferrari e poi non ha praticamente mai più smesso inanellando a suon di record cinque mondiali consecutivi. Dopo aver interrotto la striscia nel 2005 ha deciso di lasciare per sempre il mondo delle corse ma, prima, tenterà l’ultima entusiasmante rimonta a Fernando Alonso. Un problema al motore in Brasile renderà vani tutti gli sforzi e Schumi lascerà per sempre il mondo della Formula 1, per poi tornare solamente qualche anno dopo a cavallo di una Mercedes.

Nel MotoGP, invece, si è in piena epopea d’oro per il numero 46 Valentino Rossi: The Doctor, come è soprannominato dai supporters, domina oramai la scena motociclistica da anni, prima con la Honda e poi con la Yamaha, anche se il 2006 si rivelerà essere anche per lui un anno beffardo visto che l’ennesimo titolo di Campione del Mondo gli verrà soffiato, solamente per 5 punti, dallo statunitense Nicky Haiden. Avrà modo di rifarsi successivamente.

Al cinema esce l’attesissimo secondo capitolo della saga di Pirati dei Caraibi denominato La Maledizione del forziere fantasma, in cui un magistrale Johnny Depp torna a vestire i panni del celebre Capitan Jack Sparrow; si fa notare per trama e azione Slevin Patto Criminale con Josh Harnett, Bruce Willis e Lucy Liu mentre in Italia riceve l’apprezzamento della critica Notte Prima degli Esami, con regia di Fausto Brizzi e con l’indimenticato Giorgio Faletti a vestire i panni del burbero Professore Antonio Martinelli. Nelle edicole è possibile acquistare il numero 2628 di Topolino, il Dylan Dog 235 titolato Sonata Macabra di Pasquale Ruju e l’immancabile Settimana Enigmistica, anche se a Scafati vanno letteralmente a ruba tutti i quotidiani sportivi che parlano dell’approdo in A1, dal Mattino a La Città, passando per Cronache e Metropolis.

In qualche ufficio non molto distante del PalaMangano c’è una stampante laser nuova di zecca eppure i fogli A4 delle scrivanie sono tutti rigorosamente scritti a mano, con una penna blu. Uno in particolare riporta una lista infinita di cognomi e nomi, appuntati minuziosamente, ma solo due sono quelli messi in mostra con un evidenziatore Stabilo Boss Giallo.

Sarli Cosimo e Cosa Vincenzo.

Ma questa è un’altra storia.

Di Pasquale Formisano