Coppa Italia. Pomigliano: altro esame, alle 16 c’è il Termoli al Gobbato

Gli esami non finiscono mai per il Pomigliano di Biagio Seno e, anche se siamo solo agli inizi, l’aria è già tesa, da dentro o fuori. Prima l’Akragas (sconfitta forse eccessiva per quanto espresso in campo), poi il piccolo Torrecuso, diventato grande di fronte a De Rosa e compagni: inizio peggiore non poteva esserci, anche perch√©, parlando del campionato, il Pomi affronterà nelle prossime due giornate Cavese e soprattutto Savoia, due tra le migliori squadre del Girone I. I più pessimisti profetizzano un impietoso “0” alla voce punti dopo quattro giornate (profezia che speriamo errata): il Pomi visto nelle prime due è davvero poca cosa. Non bastasse il morale sotto i piedi di squadra e tifoseria, poi, si è messo pure il taglio voluto da patron Pipola: via i tre giocatori più rappresentativi (ed economicamente ingombranti) del progetto, non c’è più spazio per loro. E cosi capitan Follera, Giulio Panico e bomber La Cava hanno dovuto fare le valigie. Paradossale la situazione dell’attaccante che, squalificato, ha saltato l’Akrgas e si ritrova praticamente bocciato dopo soli 90′ di partita con il Torrecuso; come a dire che la scelta della società sa di tutto meno che di ponderazione. E pensare che i tre sopracitati erano l’emblema della scelta di giugno di non stravolgere l’undici dello scorso anno, di dare esso continuità. Ma, come si suol dire, change happens, specie se a deciderlo è il focoso ed un pò impulsivo presidente Pipola.

Ma non c’è già più tempo per analisi e dibattiti: alle 16.00 il Gobbato ospiterà il Termoli per i trentaduesimi di finale di Coppa Italia; toppare ancora vorrebbe dire peggiorare ulteriormente una situazione che ha quasi dell’incredibile per chi, fino a due settimane fa, ipotizzava di vedere il Pomi a ridosso delle grandi. A dire il vero, il tempo per eventuali sorprese del genere ci sarebbe (essendo solo alla seconda di campionato) ma si sa, nel calcio l’arte di attendere è materia per pochi adepti.
foto: sportcampania.it
Condividi