Club Paradiso Acerra. Piove sul bagnato, il San Marco non fa sconti

SAN MARCO 2006: Esposito, Di Fiore P., Diano, Balsamo, Rodriguez, Tirino, Russo, Campana, Petrazzuolo, Nebbia, Laezza (K), Graziano. All. Russo

CLUB PARADISO ACERRA: Terracciano; De Angelis, D’Inverno, Iorio, Di Balsamo, Scaniglia (K), D’Anna, Barone, Coletta, Pintauro, Di Fiore. All. Soriano

Arbitro: Iengo di Ercolano

Risultato finale: 10-2
Reti : P.T. 2′ e 26′ D’Anna (P), 15′ e 18′ Graziano (S), 20′ Petrazzuolo (S); S.T. 8′ Campana (S), 15′ Petrazzuolo (S), 20′ Nebbia (S), 23′ e 31′ Balsamo, 25′ Graziano, 28′ aut. D’Inverno (P).

Ammoniti: Iorio (P)

Falli subiti: P.T. 3-2; S.T. 1-4

Recupero: P.T. 1 min.

AFRAGOLA. Piove sul bagnato in casa Paradiso. Dopo il duro impatto con la nuova categoria, i problemi fisici di capitan Trocchia, le assenza forzate causa problemi personali di D’Antò e Esposito, le squalifiche di Soriano e Puzone, il risentimento muscolare accorso a Barone nell’allenamento di rifinitura che ha costretto il mister a tenerlo a riposo precauzionale, arriva anche la seconda sconfitta su due partita. Sconfitta che, per come è arrivata, fa male all’ambiente e apre profondi spunti di riflessione; sia ben chiaro è precoce e inopportuno parlare di crisi ma la pesante batosta afragolese suggerisce un imminente e necessario cambio di rotta. Un esame di coscienza introspettivo che dovrà riguardare tutta la rosa nessuno escluso con il solo obiettivo di capire dov’è l’inghippo e risolverlo tutti insieme. Collettivo che è venuto a mancare nella seconda frazione di gioco dopo un primo tempo quanto meno dignitoso che ha visto il Club Paradiso passare in vantaggio, dopo appena due minuti, grazie a D’Anna, ben servito da Scaniglia, per poi farsi rimontare in soli cinque minuti (dal 15′ al 20′) causa la doppietta di Graziano e la rete di Pretazzuolo. Marcature giunte non certo senza la complicità della retroguardia acerrana. Gli errori mandano in tilt la compagine ospite che non crea più pericoli fino al 26′ quando D’Anna ruba palla al limite dell’area avversaria e con delizioso pallonetto supera Russo. Il primo tempo si chiude con un nuovo brivido per De Angelis che pietrificato osserva la conclusione di Diano sputata fuori dalla traversa. Inizia, cos√¨, il secondo tempo col parziale di 3 a 2. Seconda frazione di gioco che vede gli acerrani mentalmente in campo solo per i primi dieci minuti di gioco, minuti durante i quali sfiorano il gol per due volte con Scaniglia (in palese giornata no) e poi ancora con Iorio e Pintauro. L’egemonia territoriale rossoblu è interrotta dal San Marco che, al primo affaccio nell’area di De Angelis, si porta sul più due con Campana. Il Paradiso non ci sta e prova a reagire con un indemoniato D’Anna che prima serve lungo l’out di sinistra Pintauro, regalandogli la possibilità di concludere a rete dalla posizione più congeniale per il suo mancino occasione sventata solo da un vero e proprio miracolo di Esposito, e poi ci prova in solitaria con una conclusione che termina di una paio di metri al lato della porta avversaria. Questa di fatti l’ultima conclusione di marchio acerrano, d’ora in avanti è solo San Marco: carrellata di azioni e punteggio fissato sul 10 a 2. Petrazzuolo, Nebbia, due volte Balsamo, Campana, Graziano e una sfortunata deviazione di D’Inverno su tiro sbilenco di Rodriguez regalano i tre punti al San Marco mandando nello sconforto più totale l’intera equipe rossoblu. Sconforto che aumenta pensando all’impotenza mostrata in campo dagli uomini di Soriano. Analisi impietosa e irreale agli occhi di chi non ha avuto modo di assistere al match ma conosce la squadra; ciò lascia ben sperare per il proseguo della stagione, anche in virtù dell’imminente rientro di Puzone e Soriano. Bisognerà imparare dai propri errori per crescere e non commetterli più ma con la dovuta fretta perchè ogni punto perso non si recupera più!

Ufficio Stampa A.S.D Club Paradiso Acerra

Condividi