Cimitile-Cellole 4-1. Poker all’esordio, i granatieri fanno sul serio

Non poteva iniziare meglio, per la formazione granata del tecnico Minichini. Il Cimitile bagna l’ esordio di inizio stagione, tra le mura amiche del comunale ” P. PELUSO “, con una vittoria e, per l’ occasione, cala il poker. Nulla da fare per il Cellole, compagine casertana, supremazia assoluta quella del team cimitilese che, nel primo tempo, mettono letteralmente sotto gli avversari domiziani, quasi mai pericolosi. La ditta Cittadino, Cipolletta e Sgambati, trascinano il Cimitile che, fin dalle prime battute, si dimostra determinato a raccogliere i primi tre punti in palio della nuova stagione. Mister Minichini dovra’ fare un plauso anche a Marotta che, in questa gara, e’ stato abilissimo a dettare i tempi di gioco e a prendere in mano le chiavi del centrocampo. Al via di ripresa il Cimitile ha messo subito in chiaro chi avrebbe dominato: dopo appena 5′ minuti arriva il gol del vantaggio con Sgambati, che su verticalizzazione di Cipolletta si invola verso la porta difesa da D’Auria e lo trafigge con un bel diagonale . Il Cellole accusa il colpo e, dopo 7′ minuti, capitola una seconda volta: a firmare il raddoppio locale e’ Cittadino a realizzare la seconda rete di giornata, battendo D’Auria in uscita disperata. Il Cimitile e’ scatenato e trova anche il terzo sigillo, alla mezzora, con Cipolletta, che si presenta tutto solo davanti al portiere ospite sfruttando un svarione difensivo; Antinucci nel tentativo disperato di salvare la propria porta la devia nella propria porta sorprendendo tutti e regalando il 3-0 . Sotto di tre reti, il Cellole e’ alle corde ma prova timidamente a reagire. Al 35′ minuto il team di Quintigliano riesce ad accorciare: con il giovane Sciorio che con un pregevole pallonetto sorprende Iovino e realizza il gol della bandiera, nonch√© il primo gol stagionale per i domiziani. Alla pausa si va negli spogliatoi sul risultato di 3-1. Nella ripresa il Cimitile cala il ritmo e lascia un po’ di campo agli avversari, i domiziani pero’ non riescono a impensierire la difesa granata. Al gong arriva la quarta rete che fissa il 4-1: corner di Tortora e colpo di testa vincente di Cittadino, che con uno stacco perentorio impatta ed infila alle spalle di D’Auria che trova cos√¨ la sua personale doppietta. Nell’ ultima frazione di gara, non accade nulla di rilevante, e l’arbitro con il suo triplice fischio sancisce il risultato finale di 4-1 per il Cimitile. A fine gara il neo Dirigente granata Sebastiano De Riggi, esprime con una nota, tutta la sua soddisfazione per la bella prestazione esercitata dalla propria compagine, ed un elogio ai suoi tifosi per il calore ed il sostegno trasmesso alla squadra per l’ intera durata dell’ incontro, concedendosi un affettuoso saluto agli amici Natasha, Francesco ed Eugenia presenti sugli spalti del comunale “P. PELUSO”, e infine ha augurato come buon auspicio per il prosieguo della stagione, all’ intera equipe granata, un grosso in bocca al lupo per l’ annata appena iniziata nel migliore dei modi.

ASD Cimitile: Iovino, Liparuli, Allocca, Anniorio, Zoppino, La Manna, Franzese,(46° Tortora), Marotta,(69° Di Lauro), Sgambati (86° Nazzaro), Cipolletta, Cittadino. A disp.: De Sarno, Rozza, Napolitano, Gonippo. All. Natale Minichini.

Cellole Calcio: D’Auria, Antinucci, Vellucci, Quintigliano C., Zannini, Vitale, Sciorio, Lombardi,(60¬∞ Di Serio), Ruberto M, Quintigliano M, Russo,(15¬∞ Tagliatatela). A disp.: Aliperti, Di Tommaso, Gallo, Ruberto F, Iandico. All. Carmine Quintigliano.

ARBITRO: Alfonso Sessa di Salerno
ASSISTENTI: Francesco Scuoppo e Goffredo Guarino di Salerno

RETI: 5′ Sgambati, 11′ e 85′ Cittadino (Cim.) 30′ autorete Antinucci (Cim.), 34¬∞ Sciorio (Cell.)

NOTE: Ammoniti: Liparuli, Cipolletta (Cim.); Quintigliano C., Vitale, Quintigliano M., Tagliatatela, (Cell.)

SPETTATORI: 300 circa.

UFF. STAMPA ASD CIMITILE CALCIO 1966.

Condividi