Champions e Europa League. Le finali tra agosto e settembre, gli scenari

Due appuntamenti per decidere il futuro della Champions League e dell’Europa League. Lo ha annunciato ieri la Uefa, che la prossima settimana si riunirà in un doppio appuntamento decisionale, prima martedì con le 55 federazioni, successivamente giovedì l’esecutivo si esprimerà su campionati e coppe. Ogni giorno si rincorre una possibile ripresa del calcio dallo stop per l’emergenza Covid-19, l’ultima ipotesi è quell adi far giocare la finale di Champions ad Istanbul il 29 agosto, mentre quella di Europa League a Danzica tra giorni dopo, il 1/o settembre.

Scenari possibili se ci sarà la ripresa dei campionati nazionali, la Fifa ha dichiarato che se non finiranno le competizioni non si potrà concludere la stagione. L’Eca, infatti, ha già dato priorità ai campionati nazionali, mentre le coppe europee si giocheranno solo quando saranno conclusi. La volontà della Uefa è quella di concludere tutto entro agosto, in modo tale da non compromettere anche il prossimo calendario.

Per questa ragione si sono aperti due scenari:

  • Riprendere le coppe da dove si sono interrotte;
  • Pensare a play-off con partite secche dai quarti in poi, dopo che si sono definite le quattro qualificate su otto, che mancano.