Cavese-Vibonese 0-1. Esordio amaro per i blufoncé

CAVESE (4-3-3): Bisogno, Matino, Ricchi, Lulli, Favasuli, Tazza, Oviszach, Forte, De Franco, Nunziante, Esposito. ALL. Michele Facciolo

VIBONESE (4-3-3): Mengoni, Mahrous, Pugliese, Redolfi, Berardi, Tumbarello, Ambro, Parigi, Bachini, Vitiello, Mattei. ALL. Angelo Galfano

La Lega Pro riserva alla Cavese di patron Santoriello l’onore di aprire le danze della terza serie nazionale. La Vibonese dell’ex tecnico Giacomo Modica, oggi squalificato al suo posto il secondo Michele Facciolo, attualmente è allenata da mister Galfano ed è l’avversaria degli aquilotti alla prima uscita stagionale. Buona l’ossatura conservata dalla squadra calabrese, rispetto alla formazione della passata stagione che ben aveva figurato proprio alla guida del tecnico di Mazara del Vallo. La Cavese ancora cantiere aperto, con molti appiedati tra gli infortunati, squalificati e altri in procinto di lasciare la squadra per altri lidi.

Ben 7 gli under per la Cavese, solo 3 per i calabresi. Formazione sperimentale per i blufoncè con un attacco completamente nuovo e poco sperimentato stanti i recenti arrivi dei calciatori degli ultimi colpi di calcio mercato.  Oviszach costringe Pugliese all’ammonizione al ’14, buono il suo spunto verso l’area di rigore. Al ’22 colpo di testa di Redolfi finisce nello specchio della porta, smanacciato da Bisogno a sventare il primo vero pericolo per la Cavese. La Vibonese prende coraggio e guadagna metri in avanti, dopo i primi venti minuti di supremazia di manovra metelliana. Seconda ammonizione della gara per Berardi al ’28. Abbastanza scarna la cronaca della gara nei primi 45 minuti di gioco, una formazione locale inconcludente ancora pesante negli spunti e con una cabina di regia poco propositiva, bene invece la prova del pacchetto arretrato. La Vibonese invece si dimostra squadra sorniona molto più esperta della Cavese. Poteva pungere e fare male, ma non ha trovato la zampata decisiva per graffiare, pareggio sostanzialmente giusto. Inizio della ripresa con Favasuli e Tazza out per De Paoli e Migliorini. Modica spera di cambiar volto alla sua squadra, con Oviszach a destra e Forte spostato sulla sinistra dell’attacco, punta centrale De Paoli. Primo squillo del secondo tempo dal limite dell’area di rigore è di Pugliese per la Vibonese, Bisogno attento respinge al lato. E’ il preludio al gol di Mattei che arriva al ’58 di testa, ribatte in rete, dopo aver toccato il palo, la sfera servita da un preciso calcio di punizione di Pugliese. Corre subito ai ripari la guida tecnica biancoblù facendo entrare Germinale e Montaperto per un impalpabile Oviszach e Forte. Al ’26 la Cavese entra nel tabellino dei tiri nello specchio della porta con De Franco che di testa impegna duramente l’estremo difensore della Vibonese su calcio di punizione dalla sinistra di Montaperto. Ultima sostituzione per gli uomini di Modica con l’ingresso in campo della scommessa Cuccurullo, giovane della cantera metelliana, ma la musica non cambia, anzi proprio il neo entrato, proprio in area di rigore ha la possibilità tutto solo di sferrare la stoccata decisiva, ma si lascia scappare l’attimo giusto e nulla di fatto per la Cavese. Giudizi alla prima uscita certo sono poco attendibili, quel che sembra certo  è che di lavoro ce n’è tanto…

ANDREA LIGUORI

Condividi