Caso Landieri. Un buongiorno per Scampia: arriva l’agibilità dello stadio rionale

Il sole è finalmente sorto sullo Stadio Landieri di Scampia. Come avevamo anticipato un paio di giorni fa, è arrivata l’agibilità per il restrutturato stadio Hugo Pratt in cui giocavo sia le Scuole Calcio del Rione sia le squadre di Promozione.

Tutte le prescrizioni risolte e dopo il sopralluogo risultato, poi, positivo svolto dalla Commissione Vigilanza dei Luoghi di Pubblico Spettacolo, si annuncia che già nella prossima settimana arriverà l’ufficialità del rilascio della SCIA.

A darne la notizia è stato Gioacchino Alfano, colui che, assieme al consigliere municipale Claudio DI Pietro e tutta l’VIII Municipalità di Napoli ha permesso che si potesse realizzare un manto in sintetico a Scampia. Tramite un post su Facebook, Alfano esprime la sua soddisfazione per il traguardo raggiunto: “#Scampia ha messo Gomorra in minoranza e oggi è quel quartiere di #Napoli che prova a farcela. Questo suo rinascimento, dovuto a tutti quelli che ci vivono e che non hanno mai mollato, si rivela un modello di contrasto alla criminalità che dovremmo prendere ad esempio. Quest’oggi è uno dei tantissimi giorni buoni che vivrà Scampia: la commissione di vigilanza di Pubblico spettacolo, infatti, ha confermato l’agibilità per lo stadio realizzato con il riciclo di pneumatici usati. Ho lavorato personalmente alla realizzazione di questo progetto, spinto dall’energia positiva delle donne e degli uomini che a Scampia hanno capovolto il tavolo, e cos√¨ il grande lavoro istituzionale tra #Difesa, Comune di Napoli e Municipalità continua a dare i suoi frutti. La struttura sportiva dedicata ad #AntonioLandieri, vittima innocente della criminalità organizzata, è un risultato davvero importante che alimenta le speranze di chi ci crede e risveglia le coscienze dei più restii. Questo rione di Napoli ha bisogno di #vivibilità, di #normalità e lo #sport può essere un volano per una crescita sociale. #√àunBuonGiornoPerScampia #NapoliProPositiva”.

Domani, però, si saprà se sarà possibile, con un permesso deroga, l’apertura straordinaria dell’impianto sportivo al pubblico. Resta, però, una nota stonata, che riguarda l’illuminazione: resta ferma la decisione di non concedere il permesso di gare in notturna.

Cristina Mariano