Casertana-Catanzaro 0-0. Reti bianche al ‘Lombardi’, falchetti e giallorossi si dividono la posta in palio

Termina con il più classico dei risultati il match valevole per il turno infrasettimanale della 6^ giornata del girone C di Serie C tra la Casertana di mister Federico Guidi ed il Catanzaro di Antonio Calabro. Falchetti e giallorossi non sono andati oltre lo 0-0 allo stadio Partenio Lombardi di Avellino in un match avaro di emozioni. Nonostante la gara tutt’altro che spumeggiante da parte dei falchetti, dovuta anche alle diverse assenze (Gigi Castaldo, Gioele Origlia, Lorenzo Cavallini, Francesco Fedato, Salvatore Santoro e Luca Matarese), la squadra di Federico Guidi torna a far punti dopo la brutta sconfitta in Abruzzo contro il Teramo. 

POCHE EMOZIONI AL LOMBARDI, PRIMO TEMPO BLOCCATO SULLO 0-0

È un primo tempo davvero avaro di emozioni al Partenio Lombardi tra Casertana e Catanzaro. Il primo guizzo della gara arriva dopo 3 minuti di gioco. A mettersi in mostra è il Catanzaro di Antonio Calabro. I giallorossi ci provano con una conclusione dalla distanza di Verna che non trova lo specchio della porta. La risposta della Casertana non si fa attendere. I rossoblù replicano ai calabresi al minuto 12 con un tiro di Cuppone che di un non nulla non trova l’incrocio dei pali. Il Catanzaro torna a farsi vedere al 18’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La sfera viene piazzata al centro con la difesa campana che respinge in zona Di Massimo, il quale calcia dal limite senza trovare fortuna. Poco dopo sono ancora gli ospiti ad andare alla ricerca del vantaggio con un calcio di punizione di Pinna che però non trova la porta. Al 44’ è la squadra di Guidi a farsi vedere. I falchetti provano a rendersi pericolosi da calcio di punizione. Alla battuta va Icardi che pesca sul secondo palo Carrilo, il quale fa da sponda per Cuppone che manca il bersaglio.

CASERTANA E CATANZARO CI PROVANO, MA IL RISULTATO RESTA INVARIATO

La musica non cambia anche in occasione della seconda frazione di gioco. Casertana e Catanzaro, nonostante le buone intenzioni, creano davvero ben poco per schiodare il match dallo 0-0. Ad aprire le danze nella ripresa è il Catanzaro. I giallorossi si fanno vedere con una conclusione di Casoli, ma la traiettoria è di facile intuizione per Dekic che blocca la sfera senza problemi. Poco dopo sono nuovamente i calabresi a mettersi in mostra con una botta dal limite di Verna che non trova lo specchio della porta. La prima vera occasione del match arriva solo al 78’ con il Catanzaro che si porta ad un passo dal vantaggio con Evacuo che si avventa su un pallone messo nel cuore dell’area da Casoli, ma il numero 17 dei giallorossi non trova la via del gol. La Casertana prova a rispondere subito dopo con una conclusione dal limite di Varesanovic che però calcia alto. Al 40’ è ancora la compagine padrona di casa a rubare la scena. Icardi salta secco un avversario e lancia in profondità Patruccelli che da posizione invitante viene contrastato prontamente da Branduani. Poco dopo è il Catanzaro a replicare sfiorando la rete del vantaggio. Verna la crossa dentro per Fazio che non trova il gol per un soffio. Nel finale le due compagini provano ad usare le ultime energie rimaste per sbloccare il match, ma il risultato resta immutato.

IL TABELLINO DEL MATCH

CASERTANA-CATANZARO 0-0 ( 0-0 pt)

CASERTANA (4-3-3): Dekic; Hadziosmanovic, Buschiazzo, Carillo, Setola; Bordin, Izzillo (64’ Varesanovic), Icardi; Matese (61’ Petruccelli), Cuppone, Konate. 

A DISPOSIZIONE: Zivkovic, Avella, Longobardo, Petito, Petruccelli, De Sarlo, Ciriello, De Vivo, Valeau, Varesanovic, De Lucia. Allenatore: Federico Guidi

CATANZARO (3-5-2): Branduani; Fazio, Martinelli, Pinna (46’ Contessa); Garufo, Verna, Altobelli (57’ Di Piazza), Casoli (87’ Evan’s), Carlini (57’ Corapi); Di Massimo, Curiale (46’ Evacuo). 

A DISPOSIZIONE: Di Gennaro, Ianni, Corapi, Contessa, Salines, Di Piazza, Riggio, Evan’s, Evacuo, Riccardi, Risolo, Baldassin. Allenatore: Antonio Calabro

Direttore di gara: Luigi Carella di Bari

Assistenti: Giuseppe Centrone di Molfetta — Paulo Ladato di Taranto

Quarto ufficiale: Mario Perri di Roma 1

Ammoniti: Corapi (63’), Petruccelli (68’), Di Massimo (86’)

Espulsi:

Marcatori: 

Recupero: 0’ (pt), 3’ (st)

 

 

Nunzio Marrazzo