Cannavaro: “Ibra? Non è alla portata del Napoli”

Fabio Cannavaro, campione del mondo azzurro nel 2006, è intervenuto a Radio Crc durante la trasmissione sportiva Si Gonfia la Rete: Ho un altro anno di contratto a Dubai ed il nuovo allenatore ha deciso di farmi entrare nello staff, inizierò a fare l’allenatore qui, farò esperienza e inizierò il mio nuovo percorso. Quando si inizia una nuova avventura si punta ad arrivare più in alto possibile, il fatto di avere un passato importante può essere un’arma a doppio taglio, è sempre più difficile affermarsi coma allenatore perch√© in tanti non si avvicinano. Mi rendo disponibile per allenare qualsiasi club, sta iniziando a piacermi questo nuovo mestiere perchè spero di trasmettere la mia esperienza ai giovani.

Il discorso si sposta su Ibra, accostato al Napoli nelle ultime ore: Era nel 2005 alla Juventus che portavo Ibrahimovic in giro in vespa. Zlatan è un giocatore straordinario ma non so se sia alla portata del Napoli. Ibrahimovic è un calciatore diverso da tutti gli altri e se arrivasse a Napoli renderebbe contenti tutti. Zlatan sposta gi equilibri, dovunque sia andato ha vinto. Guadagna forse il doppio di Cavani e per comprarlo occorrono bei soldi, è una operazione complicata. Il Napoli al momento ha soldi da investire e tutto può succedere.

Da un attaccante all’altro. Cannavaro dice la sua su Higuain: Conosco bene anche Higuain, è un grande giocatore che molti sottovalutano. A Madrid ha fatto il titolare ed ha fatto al differenza, se vestisse la maglia azzurra sarebbe un grande colpo di mercato.

L’addio di Cavani: C’è ancora amarezza tra i tifosi per la partenza di Cavani, la squadra azzurra è in rivoluzione, c’è un progetto nuovo e forse proprio l’internazionalità mancava al Napoli negli ultimi anni. Bisogna abbreviare i tempi e cercare di creare una squadra pronta.

Rebus difesa: Britos e Gamberini sono giocatori importanti ma l’allenatore dovrà scegliere la coppia centrale più amalgamata. Quando si gioca con la difesa a quattro c’è bisogno di affiatamento e complicità.

Cannavaro senior parla anche del suo fratello minore: Paolo Cannavaro ha lavorato tanto per affermarsi e va gratificato, mi dispiace quando viene messo in discussione. Hamsik è un grande giocatore ma non è Maradona e dargli la fascia da capitano mi sembra ingiusto nei confronti di Paolo che ha Napoli nel cuore ed è napoletano.

Anche a Dubai non rinuncia mai a seguire il suo Napoli: Quest’anno verrò a vedere qualche partita de Napoli al San Paolo perch√© è sempre una esperienza esaltante. In ogni caso seguirò la squadra anche dall’estero e supporterò i tifosi napoletani che vogliono vincere. Con la mia Fondazione ho sempre cercato di stare vicino alla mia città anche se vivo all’estero, i miei figli sono innamorati di Napoli e conto di ritornarci.

Condividi