Calciomercato. Open-day: cosa aspettarsi dalla sessione invernale?

Un campionato anomalo, ormai è assodato, tant’è che la LND ha dovuto alzare nuovamente bandiera bianca e fare i conti con una programmazione che gli è sfuggita di mano. La rimodulazione del campionato di Serie D, infatti, non ha seguito i criteri che si erano imposti, tant’è che la ripresa del campionato slitta al 13 dicembre e non più al 6, come una settimana fa, circa, era stato ipotizzato.

Ancora giornate di rinvii, quindi, ma soprattutto ancora stop per la maggior parte delle squadre, che risentono dello stop ormai lungo circa un mese. In tutto questo, con l’approvazione della riforma dello sport, sono stati riformulati anche i termini dei tesseramenti e del calciomercato. Che calciomercato sarà?

Questa è la domanda che tifosi e non solo si pongono. Motivo semplice: i campionato regionali sono fermi da ancor prima di quelli interregionali, il che apre a diverse ipotesi. Quanto sia possibile a questo punto trattenere i calciatori nelle squadre di Eccellenza? Quanti, con un certo potenziale e che hanno sposato progetti di categorie minori, cederanno al corteggiamento di squadre di Serie D pronte ad un investimento di lusso?

Certo non c’è certezza di quello che sarà il calciomercato invernale, ma non è da escludere che ci si potrà trovare di fronte ad una vera e propria migrazione verso la Serie D, diesse permettendo.