Budapest 2022. Terza medaglia per Paltrinieri, Acerenza sfiora il podio

Seconda giornata di nuoto in acque libere al Mondiale Budapest 2022 per i nuotatori italiani. Gregorio Paltrinieri e Domenico Acerenza in mattinata sono scesi in acqua, al Lupa Beach, per i cinque chilometri di fondo. Avversari decisamente forti con loro, tra cui il rumeno Romanchuk, il tedesco Wellbrock, reduce dall’oro nella 4×1500 di ieri.. Non vanno dimenticati l’ungherese Rasovzky, che proprio ieri ha guadagnato per il photofinish l’argento a discapito dell’Italia, e il francese Olivero.

Una sfida lunga, che si è frammentata perdendo nel corso dei giri vari pezzi. Tra questi, però, non c’erano i due italiani. Paltrinieri, infatti, è riuscito ad andare in medaglia, proprio dietro a Wellbrock, con 3,90 secondi di ritardo. Solo quarto posto per Acerenza, che ha lasciato il bronzo al rumeno Romanchuk.

budapest 2022

Gregorio Paltrinieri, medaglia 5km fondo

Sedicesima medaglia per il nuoto italiano, quindi, che tornerà in acqua maschiale mercoledì con la 10 km. Intanto sui volti di Paltrinieri e Acerenza appaiono al tempo stesso soddisfazione e amarezza. Paltrinieri non è riuscito, infatti a superare in corsa il tedesco, che ha una spinta micidiale negli ultimi duecento metri. Per l’azzurro, comunque è la terza medaglia in tre giornate consecutive. Prima quella nei 1500 stile libero, che ha chiuso la competizione in vasca, poi il bronzo di ieri e ora un argento.

Mai messa in discussione la sua medaglia, comunque, visto un ritardo del rumeno di 25,10 secondi. Per Acerenza ancor più amarezza, soprattutto per gli ultimi metri. Quelli in cui le gambe del fondista azzurra non riuscivano più a rispondere. Una buona prestazione, comunque, dopo il giro di ieri in staffetta che gli ha permesso di mangiare posizioni arrivando a sfiorare anche il primo posto a scapito della Germania, in quel momento rappresentata dalla Becco.

PhotoCredit Giorgio Scala