Benevento. Colpo grosso al Vigorito: giallorossi in volo

Il Benevento contro l’Hellas Verona trova la seconda vittoria stagionale, il terzo risultato utile consecutivo in altrettante partite.

La squadra di Marco Baroni davanti agli spettatori presenti allo stadio Oreste Vigorito ha messo in scena un vero e proprio spettacolo. Una partita combattuta, condizionata dall’espulsione di Caracciolo nei primi minuti del match. Il Verona non si è tirata indietro e nonostante l’inferiorità numerica ha cercato di creare problemi nei pressi dell’area di rigore dei sanniti.

Il Benevento, però, è incontenibile e dopo le prime due giornate, in cui era sembrato incerottato, ormai sembra aver preso confidenza con la categoria. Ha di fronte una delle candidate al ritorno in Serie A, ma nonostante questo non lascia niente al caso e non sembra essere intimidito dalla squadra scaligera.

Falco, cos√¨ come Ceravolo e lo stesso Ciciretti si offrono come guide per la vittoria e lo fanno nel migliore dei modi. Il primo segna il gol del vantaggio, ma non solo, governa ottimamente il reparto offensivo creano il panico tra gli uomini della retroguardia. Ceravolo costringe Caracciolo al falla da ultimo uomo e quindi alla sua espulsione diretta, nonostante l’inizio dell’azione e dell’episodio non convincano il tecnico del Verona, Pecchia. Ciciretti segna il raddoppio, ma precedentemente era riuscito a creare diversi pericoli.

Sono lontani i tempi in cui si sentivano le critiche verso la squadra e il tecnico, che nel precampionato non aveva ancora dato un’impronta convincete al gioco. Un aspetto ovvio e fisiologico visto e considerato i tanti cambiamenti e i tempi necessari all’assestamento e all’assimilazione dei nuovi schemi di gioco.

Il reparto offensivo, però, non è il solo a meritare gli elogi. Infatti i tre davanti al portiere Cragno hanno mantenuto gli spazi chiusi. Qualche occasione concessa, ma si sono sempre difesi bene e senza particolari affanni.

Il campionato è lungo e la Serie B, si sa, è una categoria logorante per la quantità di partite da giocare e per la qualità delle squadre partecipante. Il Benevento è partito per una salvezza tranquilla e i primi mattoncini sono già assemblati. Sette punti in tre partite e un secondo posto, dietro il Cittadella a punteggio pieno, che non era stato sperato e immaginavo neanche dai più ottimisti.

Cristina Mariano

Condividi