Basket. Scafati da sballo! La Givova vince la supercoppa

Di Pasquale Formisano

Un nuovo gonfalone calerà dal soffitto del Palamangano, e sarà quello recante l’insegna della Supercoppa del Centenario 2020, vinta dalla Givova Scafati dopo una grandissima battaglia contro l’Unieuro Forlì, battuta sul parquet di Cento con il punteggio di 69-78. Un trionfo, quello scafatese, costruito fin dall’inizio del match, con il roster allestito dal patron Nello Longobardi e allenato da Finelli sempre in avanti rispetto agli uomini di Sandro Dell’Agnello.

MAMMA CHE PARTENZA – I primi dieci minuti effettivi della finale sono tutti a tinte gialloblù: gli uomini di Finelli serrano letteralmente la difesa, subiscono solo 4 canestri e incrementano man mano un vantaggio sempre più consistente, aiutati non solo dalle giocate da due punti di Cucci e Thomas ma anche da una buona percentuale nel tiro da tre punti. La prima bomba è di Benvenuti, poi due consecutive di Culpepper prima di quella di Musso che chiude il primo intervallo di gioco con un sorprendente 8-29 in favore della compagine campana.

ISPIRATI DAI MIRACOLI – La Unieuro Forlì, però, non ha nessuna voglia di stare a guardare, e nel secondo quarto di gioco aumenta l’aggressività nel tentativo di recuperare quanti più punti possibili alla formazione di Finelli; Landi, Bolpin e Rodriguez portano sotto di 11 lunghezze la compagine romagnola (24-35 a 5’30”) ma nel miglior momento dei biancorossi Thomas riprende la sua missione dominante così come l’aveva interrotta in semifinale, ovvero con una tripla miracolosa che si trasforma in un gioco da 4 punti e poi con un tiro in sospensione all’indietro dall’angolo che strappa gli applausi anche degli avversari. Con i suoi americani a pieno regime Scafati tesse un parziale di 0-8 (33-50 a 2’10”) ma gli uomini di Dell’Agnello, prima di andare negli spogliatoi, rosicchiano altri 5 punti con un ottimo Landi, unico dei suoi a presentarsi in doppia cifra all’intervallo lungo. Il primo tempo, dunque, si chiude sul puntegggio di 38-50.

PIOGGIA DA TRE PUNTI – Il rientro sul parquet vede il prepotente ritorno in auge di Forlì: mentre Scafati per ben sei minuti segna soltanto dalla lunetta i biancorossi fanno cadere sul parquet una vera e propria pioggia da tre punti con quattro bombe, due di Rodriguez e due di Rush, che fanno tremare Scafati, che vede gravare su di sé anche il quarto fallo di Thomas. Quando l’inerzia sembra tutta dalla parte degli uomini di Sandro Dell’Agnello è Culpepper a togliere il tappo dal canestro con una tripla che chiude il terzo quarto sul 55-63.

SUPERCAMPIONI – L’ultimo periodo si apre subito con il canestro da fuori area di Bolpin, ma Musso riporta l’inerzia dal lato Givova (58-71 a 6’50”). Il solo Landi prova a tenere in alto la squadra romagnola ma Scafati mostra un Benvenuti in più, decisivo nel momento in cui bisognava mostrare i muscoli, ovvero quando Thomas era fermo ai box per la questione falli. Le energie spese da Forlì per provare ad assottigliare il gap sono troppe e gli uomini di Dell’Agnello alzano bandiera bianca, con la sirena che sancisce il 69-78 definitivo e la vittoria della prima Supercoppa nella storia della Givova.

Si arricchisce dunque la bacheca del team gialloblù, con un trofeo di prestigio che andrà a fare compagnia agli altri grandi successi della storia cestistica scafatese, su tutte le due Coppe Italia del 2006 e del 2016, oltre alla Promozione in A1 del 2005/06.

 

UNIEURO FORLÌGIVOVA SCAFATI 69-78 (8-29, 30-21, 17-13, 14-15)

UNIEURO FORLÌ: Natali 1, Giacchetti, Bolpin 12,  Rush 12, Ndour 3, Zambianchi, Campori,  Dilas 2, Landi 17, Roderick,  Rodriguez 17, Bandini.

Coach: Dell’Agnello

GIVOVA SCAFATI: Culpepper 16, Benvenuti 17, Sergio 3, Rossato 7, Sabatino, Thomas 18, Festinese, Marino, Musso 10, Cucci.

Coach: Finelli