Avellino. Verso la partita contro la Pro Vercelli, numeri a confronto

Sabato alle 15:00 l’Avellino di Mimmo Toscano affronterà la Pro Vercelli al Partenio Lombardi. La squadra piemontese cos√¨ come lo stesso Avellino non ha avviato il campionato nel migliore dei modi.

Infatti se da un lato ci sono i biancoverdi che hanno solo tre punti all’attivo, la Pro ha conquistato una sola vittoria e tre pareggi, occupando cos√¨ il 16¬∞ posto in classifica con sei punti. La sola vittoria conquistata è stata tra le mura amiche del Silvio Piola contro il Cesena nella scorsa giornata di campionato. L’andamento in trasferta, invece, è molto meno positivo: 2 punti conquistati grazie a due pareggi. Per quanto riguarda la fase realizzativa la squadra di Moreno Longo ha all’attivo 6 gol realizzati, i cui marcatori sono Mustacchio, La Mantia e Vajushi. La fase della partita in cui i Leoni sono maggiormente pericolosi è l’ultimo quarto d’ora del primo tempo e il primo quarto d’ora della ripresa. Infatti in quel lasso di tempo sono stati realizzati cinque gol, di cui due nel primo tempo e tre nel secondo.

La Pro Vercelli ha al passivo 10 gol. Il secondo tempo è quello in cui la squadra piemontese ha perso maggiormente punti. In particolare nell’ultimo quarto d’ora di gioco del primo tempo la Pro ha subito 3 gol, i restanti 7 nel secondo tempo con una minore concentrazione riscontrata nella fase centrale della ripresa (3 gol anche in quel lasso di tempo, ndr).

Per quanto riguarda l’Avellino. Gli irpini hanno conquistato due punti in occasione dei pareggi, entrambi in casa, il primo contro il Brescia alla prima di campionato, il secondo contro il Trapani ed il terzo nella scorsa giornata contro il Vicenza. La squadra di Mimmo Toscano ha molte difficoltà nel creare palle gol: a confermarlo c’è il totale di gol realizzati, 2, marcati uno da Castaldo e l’altro con autogol su cross di Belloni.

Al passivo i lupi contano 7 gol, la maggior parte subiti nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, 3 nello specifico. Mentre nel secondo tempo si contano almeno un gol per ogni quarto d’ora, senza evidenziare quindi un lasso di tempo in cui la concentrazione è minore.

Cristina Mariano

Condividi