Avellino-Venezia 2-0. Il tecnico Rastelli: “Importante proseguire, la squadra ha fatto bene”

Al termine della gara di Coppa Italia tra Avellino e Venezia, terminata per 2-0 in favore dei lupi che staccano il pass per il Terzo Turno, è il tecnico dei lupi a presentarsi in sala stampa, Massimo Rastelli: “Era importante partire bene, al di là della prestazione serviva passare il turno per un ulteriore rodaggio in campo. Buonissima prestazione, sono soddisfatto oltre le aspettative, la squadra ha offerto un calcio piacevole, nel finale abbiamo perso un po’ di lucidità, ma in questo periodo di grande lavoro può starci”
Ha proseguito poi analizzando l’avversario odierno: “Sapevamo che il Venezia era una squadra importante, con diversi giocatori che hanno giocato in B. Siamo stati bravi a limitare con gli esterni, specie quando Franchini e Bellazzini hanno tentato di metterci in difficoltà, bravi poi a passare in vantaggio e a trovare subito la rete della sicurezza. Nella ripresa abbiamo controllarto agevolmente”
Chiusura sugli acciacchi susseguitisi in campo e sulla prestazione dei singoli: “L’infortunio di Castaldo è l’unica nota stonata, crediamo sia una distorsione poichè è caduto male, cose che capitano, valuteremo nei prossimi giorni. Intanto anche Zito ha qualche problema. Bittante erede di Zappacosta? Non dispone delle qualità necessarie negli ultimi 20 metri, ma ne ha altre , lui non deve fare Zappacosta. Pisacane l’anno scorso ha sbagliato mezza partita, a destra può dare di più giocando con il suo piede naturale, con la sua rapidità ci permette di fare la superiorità numerica, peccato sia squalificato al primo turno di campionato, ma abbiamo alternative. In avanti abbiamo giocatori con diverse caratteristiche che ci consentono di sfruttare situazioni particolari, Arrighini attacca spazi come pochi, lo avevo cercato anche lo scorso anno, mi auguro sappia far vedere ancora quanto sa fare. Ha 25 anni e’ nel pieno della maturità, ha qualità morali tecniche e fisiche per poter far bene, lui ha tutto per rompere le partite, somiglia molto a me…ecco perch√© l’ho voluto! Comi? Con lui bisogna aver pazienza, viene da un infortunio non di facile soluzione, sta lavorando con dedizione e professionalità, non deve avere fretta, deve lavorare per arrivare al top della condizione, anche fra un mese, abbiamo tante soluzioni avanti. Mohamed Soumare è un giocatore tosto, sveglio, può essere utilizzato come trequartista e utile quindi per eventualmente apportare delle modifiche nell’assetto tattico durante il match. Pisacane può sostituire Izzo, abbiamo perso due giocatori fondamentali che sono andati in serie A, non sarà facile sostituirli, ma sia Bittante che Pisacane non li faranno rimpiangere. Chiosa è un mancino che può agire da centrale come da laterale, è giovane ma con le sue presenze ed esperienze con un grande maestro come Ventura lo hanno forgiato, sembrava fosse con noi da sempre proprio per la sua naturalezza, con Fabbro centrale avere due laterali veloci diventa importante. Se Togni dovesse andare, non avremo bisogno di un vero playmaker, Arini poi sta interpretando benissimo questo ruolo”.
Domanda definitiva sulla ventiduesima in serie B: “Juve Stabia o Novara? Cose che non mi riguardano…l’importante e’ che ci siamo noi”.

 

 

dal nostro inviato Pasquale Lucchese