Avellino. Meno due all’esordio, intanto è Marchizza Day

L’Avellino è a lavoro per il prossimo impegno ufficiale della stagione, l’esordio in campionato contro il Brescia in programma per sabato sera alle 20:30 proprio al Partenio-Lombardi.

Gli irpini assieme al tecnico Novellino provano a sciogliere qualche dubbio sulla formazione da schierare. Non ci sarà Bidauoi per le prime due giornate, causa squalifica e potrebbero esserci degli avvicendamenti in attacco ed in difesa della porta. Ancora in dubbio, infatti, se ci sarà Radu o Lezzerini tra i pali. Ballottaggi anche in mezzo al campo. Le uniche certezze sono la difesa con il quartetto Laverone, Saugher, Migliorini e Rizzato, ma anche il vertice d’attacco con il bomber Ardemagni.

A suo supporto quasi sicuramente Leonardo Morosini. Nel pomeriggio altra seduta per sciogliere gli ultimi dubbi.

Intanto, mentre la squadra si allena, la dirigenza sarà impegnata nella presentazione del nuovo arrivato, Riccardo Marchizza, fresco di firma e già in fermento in vista dell’imminente inizio. Mercato chiuso, quindi, per gli irpini che ora dovranno concentrarsi solo sul calcio giocato.

E mentre il sodalizio di Walter Taccone si ritiene soddisfatta il Brescia continua a puntellare la sua rosa, in particolare la difesa, dove dopo Maccariello e Longhi potrebbe arrivare l’ex Sampdoria Gastaldello, molto abile nei colpi di testa sia in difesa che in attacco.

Ma guardando al presente, il Brescia di Boscaglia dovrebbe arrivare al Partenio con il canonico 3-5-2 visto in queste prime settimane di lavoro, Maccariello dovrebbe partire titolare, mentre, anche qui, dubbi in alcuni reparti. Infatti tra i pali Minelli è in fase di recupero ma potrebbe lasciare il posto a Gagno. Si allenano con lavoro differenziato Checchin e Bertoli, davanti Caracciolo come certezza assieme ad uno tra Torregrossa e Ferrante. Infatti l’attaccante ex Trapani pare abbia avvertito qualche problema muscolare. Niente di grave, si tratterebbe infatti solo di un indolenzimento, tipico del carico di lavoro estivo. Per il resto la rosa non dovrebbe variare molto: assieme a Maccariello dovrebbero esserci in difesa Somma e Lancini, a centrocampo Sampirisi e Coly sulle fasce, Ndoj in cabina di regia supportato da un lato da Bisoli, dall’altro uno tra Santantonio e Cattaneo.

Cristina Mariano