Avellino. Dini sotto i ferri: l’estremo difensore torna al Parma

Arriva una brutta conferma per Andrea Dini. Dopo il trauma alla caviglia sinistra riportato nel corso della seduta di allenamento andata in scena lunedì, l’estremo difensore classe 1996 è stato sottoposto ad una risonanza magnetica. Gli esami, che sono stati eseguiti a Parma, hanno evidenziato la rottura del tendine di Achille, confermando la prima ipotesi diagnosticata dallo staff medico dell’Avellino.

Il portiere di proprietà del Parma, ma questa stagione in prestito agli irpini di Capuano, è stato operato questo pomeriggio dal dottor Paolo Adravanti. Infatti, in seguito all’esito degli esami strumentali e come già accordato da entrambe le società, Andrea Dini farà ritorno al Parma, club di appartenenza. Il calciatore di Cattolica comincerà il percorso post-operatorio e rieducativo nei prossimi giorni.

Continua, invece, l’iter legato ai test sierologici anti Covid-19 per l’Avellino. Gli irpini, di fatto, quest’oggi si sono sottoposti al sesto ciclo di tamponi, in cui gli esami sono risultati tutti negativi. Al termine dei test la squadra ha osservato un giorno di riposo. L’Avellino di Capuano riprenderà la preparazione in vista del play-off nella giornata di domani. In programma un’intensa seduta pomeridiana.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi