Avellino. Al Sanna “derby” tra nobili decadute: alla scoperta della Torres

Secondo incontro per Giovanni Bucaro quale allenatore dell’Avellino. Il club irpino dovrà affrontare un’importante trasferta in Sardegna, la partita contro la Torres.

LA STORIA – La più antica società della Sardegna, fondata nel 1903 come un’associazione per l’educazione fisica. Infatti è una vera e propria polisportiva che si rende protagonista a livello regionale e nazionale. Dopo un ventennio nei campionati regionali comincia la sua scalata verso i palcoscenici nazionali di calcio. Nel 1946/1947 raggiunge per la prima volta la Serie C, non per meriti sportivi, essendo arrivata 4¬∞, ma per idoneità economica. Dopo la retrocessione resta per qualche anno nelle categorie regionali per poi alternarsi tra la Serie C e la Serie D. Raggiunge gli apici della storia nella stagione 2005/2006, quando proprio nella terza serie nazionale conclude il campionato in zona play-off promozione di Serie B. Viene indirettamente colpita dallo scandalo Calciopoli, che la porta a perdere le sfide con il Grosseto. Lunga e ricca storia, la Torres dopo tre fallimenti riesce a cadere sempre in piedi, non scendendo mai oltre la Serie D e a rinascere. Questo fino al 2008, quando a causa di inadempienze economiche la FIGC la esclude dalla Lega Pro. Riparte dalla Promozione. Stessa sorte nel 2017, quando il fallimento la riporta in Eccellenza dopo aver negli anni precedenti ripreso la carreggiata in Serie C.

L’ALLENATORE – Alla guida della squadra rossoblù c’è Marco Sanna, ex calciatore della Torres e sardo doc. Arrivato proprio nel 2018 sulla panchina della Torres, Sanna ha iniziato la sua carriera da allenatore nel 2008/2009 al Valledorina. Nel suo curriculum anche il Tempio, l’Alghero, l’Oziarese, il Sassari Latte Dolce. Credo calcistico il 4-2-3-1, ma la sua Torres viene schierata con il 4-4-2.

LA ROSA – Come tutte le squadre del campionato interregionale la rosa è costruita con calciatori esperti e giovani. Calciatore da tenere sotto controllo è il difensore Andrea Peana, classe ’86 che può giocare anche come terzino sinistro. Scuola Cagliari ha giocato tra le fila del Castiadas, Triestina, Alghero, Crotone, tra le altre. Altro profilo di spessore quello del trequartista Giacomo Demartis anche lui scuola Cagliari con un passato dell’Arzachena, Sassari Latte Dolce, Grosseto, Savona, tra le altre. Il capocannoniere è Stefano Sarritzu, con tre gol all’attivo.

TORRES IN CLASSIFICA – Brutta classifica per i rossoblù, attualmente al 18esimo posto con 15 punti. Solo 7 i risultati positivi, 4 vittorie e 3 pareggi. Squadra che segna poco, 16 gol fatti, e che subisce tanto, 27 gol al passivo.

Cristina Mariano

Condividi