Ascoli-Salernitana 1-1. Solo un pari per i granata al Del Duca

Una Salernitana rivoluzionata, quella che va in campo al “Del Duca” di Ascoli Piceno. Come preannunciato il trainer laziale, Sanderra, si gioca tutte le carte a sua disposizione pur di ‘sbancare’ lo stadio eugubino e rilanciare la troupe granata nelle posizioni alte della classifica.

Partita sugli scudi, con azioni da entrambe le parti nei minuti iniziali del match non degne di nota, all’11’ è Marcello Falzerano, ex granata, a fare tutto da solo ma si coordina male al momento del tiro e la conclusione è da dimenticare.
Al 17′ su punizione di Pasquale Foggia la palla carambola in area con Matteo Guazzo che ne approfitta e segna portando in vantaggio la Salernitana, 0-1. Partita dai ritmi blandi, con azioni che si svolgono nella parte centrale del campo, senza impensierire pi√∫ di tanto i due estremi difensori, al 30′ è la Salernitana che può raddoppiare con un tiro dal limite dell’area di Volpe, poco fortunato e palla sul fondo. Al 37′ è ancora Salernitana con Guazzo che lancia a porta Volpe, ma è bravo Schiavino a metterci il piede e ad evitare la rete dello 0-2. Al 43′ Rizzi brucia in velocit√° Bianchi, lancia in area Guazzo che però si lascia ipnotizzare da Russo, risultato resta invariato, nel minuto di recupero è ancora Guazzo che con una giocata accademica sfiora l’incrocio dei pali.

Al 47′ mister Sanderra manda in campo Siniscalchi al posto di Molinari, al 50′ ancora un cambio nelle file granata con Capua che prende il posto di Esposito costretto ad abbandonare il campo in seguito ad un infortunio. Al 55′ è ancora pressing granata con Luciani che dalla met√° campo da palla a Guazzo che a sua volta con una giocata di prima scarica su Perpetuini che prova il tiro dal limite con poca fortuna. Al 62′ su punizione è l’Ascoli a farsi vedere dalle parti di Berardi, ma senza impensierire pi√∫ di tanto l’estremo difensore granata. Al 66′ ancora gli eugubini che ci provano con un ex granata, Manolo Pestrin, con un tiro dal limite che lambisce il palo alla destra di Berardi. Al 68′ Siniscalchi non copre e Tripoli trova il gol del pareggio, 1-1. Al 72′ azione accademica della Salernitana, con una triangolazione Foggia-Gustavo-Guazzo con quest’ultimo che alza troppo il pallone sulla traversa. Al 73′ esce Guazzo entra Ginestra, per l’ultimo cambio a disposizione di Sanderra. Ultima frazione di gioco con squadre lunghe che ci provano di contropiede ma senza pungere, dopo 5′ di recupero al “Del Duca” finisce 1-1.

Condividi