Angri. Montaperto e Longobardi protagonisti contro la Sarnese

I grigiorossi dell’U.S Angri 1927 si aggiudicano il big match casalingo contro la Polisportiva Sarnese vincendo 3 a 1. Sugli scudi il bomber Montaperto autore di una doppietta ed il portiere Longobardi saracinesca assoluta parando ben due rigori. Davanti a circa 500 spettatori che hanno messo in scena una suggestiva coreografia fatta di fumogeni rossi, gli ospiti vanno in vantaggio dopo appena 10 minuti con Ianniello. L’Angri riprende subito ad attaccare a testa bassa ed al 15¬∞ l’arbitro Pragliola assegna un calcio di rigore ai padroni di casa per fallo di mano di Esposito che per doppia ammonizione viene espulso. Montaperto si presenta sul dischetto e spiazza Napolitano: è 1 a 1. La Sarnese resiste fino all’intervallo pur essendo in inferiorità numerica e solo al 34¬∞ Iovine dal limite calcia di sinistra sfiorando il palo alla sinistra dell’estremo difensore ospite. Al 50¬∞ i grigio rossi ottengono il meritato vantaggio con Ferraioli che come un falco si avventa su un cross da destra e realizza il 2 a 1. A suggellare la prestazione arrembante arriva il terzo gol dell’Angri ad opera di Montaperto intorno al 75¬∞ che dopo uno scambio breve in area di rigore calcia rasoterra per la gioia dei tifosi di casa. Poi quello che avviene nel giro di 8 minuti ha dell’incredibile: l’arbitro assegna due calci di rigore alla Polisportiva Sarnese ed è il felino Longobardi che strega prima Maggio e poi Ianniello causando il delirio dei 500 accorsi allo stadio P. Novi. Dopo 4 minuti di recupero l’U.S. Angri 1927 si aggiudica il big match e si avvicina alla capolista Virtus Scafatese. Questo il commento di mister Mario Di Nola: Abbiamo ottenuto una buonissima vittoria contro una grande squadra, tenendo bene il campo e senza rischiare più di tanto. Abbiamo concesso agli avversari solo tre occasioni contando anche i due calci di rigore e prima del vantaggio loro noi potevamo già segnare. Comunque la Sarnese anche in 10 uomini mi ha fatto una buonissima impressione. Nel secondo tempo non c’è stata partita e forse il secondo calcio di rigore non c’era; nel complesso l’arbitro ha diretto bene la gara. Oggi abbiamo recuperato dei punti importantissimi e non dobbiamo fermarci anche se dobbiamo evitare alcune situazione e migliorare la tenuta fisica. Stiamo sulla buona strada. Oggi è stato uno spettacolo sia in campo che sugli spalti, questa è una tifoseria da serie C. Cos√¨ l’autore della doppietta Sasà Montaperto: Sono contentissimo per i gol e faccio i complimenti alla squadra per la grossissima prestazione sfornata contro un grande avversario. Con mister Di Nola stiamo andando bene e la squadra è cambiata. Poi abbiamo un portiere esperto ed importante. Ci siamo rimessi in carreggiata battendo una big del girone. Il pubblico è straordinario e costituisce il 12¬∞ uomo in campo. Infine l’altro eroe di giornata, il portiere Carmine Longobardi che ha neutralizzato ben due calci di rigore: Parare i rigori dipende dalla bravura e dalla fortuna, anche perch√© l’anno scorso ho parato alcuni rigori durante i play off. Riesco ad intuire dove l’avversario calcerà il rigore e poi vabbè ci vuole sempre un pizzico di fortuna. Dedico queste due parate alla mia famiglia ed ai tifosi che anche oggi hanno mostrato attaccamento alla maglia e non meritano questa categoria. Vittoria importante contro una diretta concorrente.

Questo il tabellino:

U.S. Angri 1927: Longobardi, Casandrino, Gentile, Manzo, Imparato, Braca, Agata, Labaro (Polverino), Montaperto (Russomanno), Ferraioli, Iovine (Gargiulo).

Panchina: De Sio, Salvatore, Liguori, D’Ambrosio, Polverino, Gargiulo e Russomanno.

Allenatore: Mario Di Nola.

Polisportiva Sarnese: Napolitano, Amoruso, Testa, Esposito, De Cesare, Fontanarosa, Pallonetto, Di Capua, Maggio, Savarese, Ianniello.

Marcatori: Ianniello (PS), 2 Montaperto (A), Ferraioli (A).

Ammoniti: Montaperto (A), Ianniello (PS).

Espulsi: Esposito (PS).

Arbitro: Pragliola di Terni.

Note: 1 minuto di recupero nel 1° tempo e 4 minuti nel 2° tempo. 500 spettatori circa.

 

 

foto: Luciano Squitieri

Condividi