Villa Literno. Fontana fa chiarezza: “Non omologazione prassi, ma ricorso insensato”

Nella giornata di ieri il CR Campania ha reso pubblico il referto del Giudice Sportivo con le rispettive sentenze. Il 2-1 del Villa Literno sulla Virtus Liburia, risultato maturato al Comunale nella prima giornata di campionato, non è stato omologato. La motivazione è da ricercarsi nel ricorso della società biancoverde.

Infatti per la società del presidente Angelo Pezone reclama per una presunta sesta sostituzione da parte della squadra di mister Sanchez. Vittoria biancorossa in sospeso, quindi, in attesa del riesame da parte degli organi di giustizia sportiva.

La nostra redazione ha contattato telefonicamente il presidente del Villa Literno, Giovanni Fontana, che in esclusiva ha spiegato la situazione. “Quando si presenta un ricorso è prassi la mancata omologazione -commenta il numero uno dei liternesi- Ma siamo fiduciosi che la giustizia sportiva ci darà ragione. Capisco che ci sia stata un po’ di confusione al 94′, perchè Insigne, uscendo, ha lasciato la fascia di capitano a Pippo Guadagno. E’ nel regolamento, il capitano dev’essere in campo anche se si resta in dieci. La confusione si è creata perchè a bordo campo c’era Gottardo a bordo campo, ma non è entrato. Il direttore di gara ha refertato cinque sostituzioni e non sei. Un documento firmato da noi e dalla Virtus Liburia, che neanche a fine partita hanno fatto riferimento a questa sesta sostituzione. Ripeto siamo fiduciosi e al tempo stesso capiamo che si possa essere creata confusione”.

Cristina Mariano