Vico Equense 1958. Il tecnico Spano si gode gli under, a Casola per la coppa

Si giocherà a Casola l’andata dei sedicesimi di finale di Coppa Italia contro la Torrese, in programma mercoled√¨. In casa Vico si spera che questo possa essere l’ultimo appuntamento casalingo lontano dalle mura amiche di Massaquano, dove la dirigenza confida di tornare per la sfida di campionato contro il Pimonte. Prima ci sarà la trasferta in casa del Neapolis, valida per la quarta giornata del girone B di Promozione.
I BABY Fin qui i vicani hanno ottenuto sette punti in tre partite e seguono in classifica appunto la Torrese ed il Procida. Contro il Rione Terra, sabato scorso a Massa Lubrense, per la prima volta in campionato la squadra di mister Spano ha tenuto la propria porta inviolata. Merito del portiere Navarra ma anche di una difesa esperta, trascinata dal solito Leonardo Gargiulo. A realizzare le due reti che hanno permesso ai costieri di battere i flegrei sono stati Imperato (classe 2000) e Borriello (classe 1999). Una grande soddisfazione per la dirigenza del Vico il fatto che tra i protagonisti di questo ottimo avvio di stagione ci siano appunto i giovani, che costituiscono la base di partenza del progetto. Per Imperato (vedi foto) sono addirittura ben quattro le reti segnate nelle prime tre giornate di campionato, lui che da ala spesso si trasforma in terzino. Per Borriello, invece, che a questo tipo di prodezze era già abituato con la Turris, la soddisfazione di un gol arrivato entrando dalla panchina dopo l’esperimento da punta centrale contro il Poggiomarino. Il tutto senza dimenticarsi di Ciro Coppola, classe 2001, sempre titolare fin qui, e di tutti gli altri baby che compongono il parco “under” della squadra: alcuni sono già stati impiegati, altri lo saranno presto; magari già nel match contro la Torrese per il quale sono squalificati Savarese ed Inserra.

ASD VICO EQUENSE 1958