Torino-Fiorentina 0-0. Pari a reti bianche all’Olimpico

E’ terminato in parita’, a reti inviolate, il lunch match fra il Torino e la Fiorentina. Su un terreno scivoloso e insidioso, all’Olimpico di Torino, le due formazioni si sono affrontate a viso aperto, dando vita a una gara intensa e vibrante, al termine della quale e’ mancato soltanto il gol. Nei padroni di casa, orfani degli indisponibili Larrondo, Immobile, El Kaddouri e Masilello e degli squalificati Vives e Gillet, Giampiero Ventura ha puntato sul consueto 3-5-2, lasciando inizialmente in panchina Bovo, Brighi, Meggiorini e il nuovo acquisto Tachtsidis e a casa (non convocato) il partente D’Ambrosio. In campo, invece, spazio al trio difensivo Maksimovic, Glik, Moretti; a Basha, Gazzi e Farnerud nella zona nevralgica e a Barreto in avanti, a far coppia con Cerci. Negli ospiti, privi degli infortunati Gomez e Rossi, Vincenzo Montella ha optato per il modulo 4-3-3, con Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Savic e Roncaglia in difesa; con Matias Fernandez, Pizarro e Borja Valero (che oggi ha festeggiato il 29¬∞ compleanno) a centrocampo e con l’anomalo tridente composto da Cuadrado, Jaquin e dal finto 9 Ilicic. In avvio si sono accomodati fra le riserve, invece, Ambrosini, Vargas e Aquilani. La partita da subito e’ stata caratterizzata da continui ribaltamenti di fronte. Nel primo tempo Cerci ci ha provato in quattro occasioni, al 2′, al 20′, al 23′ e al 40′, trovando sempre pronte risposte e chiusure attente di Neto. In altrettante occasioni si sono resi pericolosi i viola. Al 9′ Padelli ha detto no a Fernandez, autore di una bella punizione a girare. Al 15′ Jaquin e’ andato via sulla destra e ha crossato al centro, dove Roncaglia, al volo, da buona posizione, ha spedito la sfera sopra la traversa. Al 32′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, lo stesso Jaquin ha mancato l’appuntamento col gol. Al 44′, infine, Borja Valero ha sfiorato il palo con una bella conclusione al volo, su cross perfetto di Cuadrado. Lo spagnolo ha provato a festeggiare al meglio il suo compleanno anche nella ripresa, al 6′, con un tiro potente, sul quale Padelli si e’ fatto trovare nuovamente pronto per la respinta. Due minuti dopo l’inesauribile Cerci, dopo una classica galoppata, ha sferrato un diagonale di destro insidioso; ma Neto ha salvato i viola, deviando il pallone in corner. Al 19′, poi, l’estremo difensore dei gigliati, su un’altra ripartenza dei granata, ha chiuso la porta anche a Barreto, autore di una bella conclusione di sinistro, molto angolata. Al 35′ e’ arrivata dunque l’occasione piu’ ghiotta per i padroni di casa: su un cross di Cerci, il neo entrato Meggiorini, a due passi da Neto, ha calciato al volo di sinistro, mancando pero’ il bersaglio. Giusto nel complesso il risultato finale del match, nel quale le due formazioni hanno dimostrato ancora una volta di giocare un buon calcio e di non rinunciare mai a rovare a ferire l’avversario. (ITALPRESS).