Sporting Tigre C5. Beffa finale a Mondragone, Tufano: “Ottima prestazione”

Sinuessa Mondragone – Sporting Tigre 4-3

Il futsal è uno sport bellissimo, meraviglioso. Meraviglioso ed allo stesso tempo crudele, fatale.

Il fato oggi ha punito lo Sporting Tigre.
Sette minuti al fischio finale. Partita perfetta degli acerrani fino a quel momento. Dominata fin dall’inizio, i padroni di casa imbrigliati nella tela preparata dagli ospiti.
La partita perfetta.

Sette minuti alla fine.
Un errore arbitrale, un ennesimo fallo generosamente concesso ai mondragonesi. È il sesto fallo.

Sette minuti alla fine.

Tiro libero.
Sulla palla ci va il navigato Daniele Barbi.
Proteste ripetute degli acerrani.
I ragazzi prendono posizione prima del tiro.
Gioco fermo. Assurda espulsione per Valerio Esposito. Perché non avrebbe concesso la distanza dovuta.

Sette minuti alla fine. In realtà meno, perch√© da oltre cinque minuti il gioco non riprende. Barbi tira, palla all’incrocio. Imparabile. 1-3.

Lo Sporting Tigre, in quel momento era inconsapevolmente primo in classifica, visti i finali dagli altri campi. I sacrifici sarebbero stati ripagati.

Poi il cataclisma.

I sette minuti più folli del campionato, il Sinuessa, grande squadra esperta, ci crede. Agli ospiti tremano le gambe, la rabbia prende il sopravvento. L’istinto prevale sulla testa.

Nella manciata di minuti più folli de campionato, il Sinuessa compie il miracolo.

4-3 all’ultimo minuto.

Le Tigri sono costretta a leccarsi le ferite. In attesa di rimarginarle e riprendere a ruggite dalla prossima partita.

D.T. Torre: questo è lo sport. Crudele e amaro. Avevamo preparato la partita perfetta. I ragazzi sono stati encomiabili, abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo preparato e studiato in settimana.
C’è mancata l’esperienza. La cattiveria agonistica.
Ma abbiamo cambiato modo di giocare. Ripartiremo dai primi 53 minuti. Su questa base, nonostante la sconfitta, adesso posso liberamente affermare, con ancora più convinzione, che abbiamo tutti i mezzi per vincere questo campionato.

Presidente Tufano :
Il fato purtroppo ha voluto che dopo una grandissima prestazione andassimo sotto di un gol in un minuto dalla fine, sempre più convinto che questa squadra potrà raggiungere obiettivi molto alti credo che adesso la squadra è perfetta la società anche, quindi bisogna continuare il nostro cammino perch√© a volte perdere da forza per continuare ad essere ancora più tenaci In questo sport che tante volte riserva molte sorprese.

Condividi