Salernitana. Giubilato saluta: “Ho dato tutto per questi colori”

Esce di scena David Giubilato, il dirigente “senza ruolo”: “Ho dato tutto per la Salernitana, da giocatore sono andato contro le decisioni del dottor Leo pur di scendere in campo la domenica, poi quando in estate ho scelto di non giocare più l’ho fatto per intraprendere un altro percorso insieme alla società e per il bene della Salernitana.
Il mio ruolo? Una sorta di team manager, un interlocutore tra squadra e società, sarei diventato a breve a tutti gli effetti il team manager dei granata. Rimpianti? No, sono tranquillo perch√© ho sempre lavorato come Susini, e insieme siamo sempre stati disponibili a qualsiasi ora e in qualsiasi giorno, ma non sto qui a dire ciò che ho fatto, si sa quando mancano i risultati bisogna capire cosa non va, la società ha scelto cos√¨, ma sinceramente non mi sento un capo espiatorio.
Spogliatoio granata? In tanti anni di carriera non ho mai vissuto uno spogliatoio dove si brinda tutti i giorni, posso soltanto dire – continua Giubilato ai microfoni di Radio Bussola e TV Oggi – che le diatribe in uno spogliatoio possono anche esserci ma è fondamentale che dopo tutto si concluda con una stretta di mano, inoltre, i giocatori devono essere spronati perch√© vincere a Salerno è differente di una vittoria altrove, magari ad Entella (frecciatina a Guazzo? Sempre più corteggiato dal Virtus Entella, ndr).
Lotito? Non l’ho incontrato, magari ci becchiamo nei prossimi giorni, sono tranquillo, nel calcio mai dire mai, in futuro potrei tornare a Salerno, ma di sicuro la mia esperienza in granata sarà indelebile, per questo continuerò a seguire con affetto la Salernitana”.

Roberto Annunziata – Salernitana