Salernitana. Al “Mary Rosy” sedute svolte in gruppi: cosí i granata tentano di ripartire

In attesa del via libera agli allenamenti collettivi che dovrebbe arrivare entro il 18 maggio, oggi, e per la seconda giornata consecutiva, la Salernitana ha dato la possibilità ai suoi atleti di svolgere un “risveglio muscolare” sui campi del centro sportivo “Mary Rosy” con l’auspicio che tutta possa riprendere al fine di guadagnarsi una chance per la Serie A.

Una seduta certamente atipica e soprattutto non consueta alla quale hanno partecipato i tre gruppi da 8 calciatori che hanno svolto lavoro senza pallone e sotto gli occhi del preparatore atletico Alessandro Innocenti. Sono arrivati al centro sportivo con mascherina e tanto di autocertificazione.

Un modo per provare a riprendere la condizione atletica dopo due mesi di stop, per lo piú caratterizzati dai atipici allenamenti fatti in casa. Il lavoro è stato effettuato sotto lo sguardo attento anche di Gian Piero Ventura e del suo staff, il quale, durante la quarantena, ha predisposto un piano di lavoro personalizzato per ogni atleta come saprete giá. Al termine della seduta gli atleti sono subito rientrati a casa in quanto gli spogliatoi del centro sportivo di “Pontecagnano Faiano” sono rimasti rigorosamente chiusi. Una prassi prevista dai protocolli sanitari e con la quale si dovrà convivere in questa fase di emergenza, anche quando riprenderanno gli allenamenti collettivi e le partite. Se riprenderanno.

fonte:Ottopagine.it