Promossi & rimandati. Giallorossi al top, Nola mastica amaro

Il giorno dopo la seconda giornata di campionato di Serie D, torna  la nostra rubrica “Promossi & Rimandati” dedicata alle squadre campane impegnate nel massimo campionato dilettantistico nazionale. Ogni settimana daremo il giudizio, a mente fredda, sui club della nostra regione.

PROMOSSI

Savoia: riscatta alla grande la sconfitta contro il Monterosi all’esordio. Il derby è a tinte biancoscudate, grazie alla rimonta a firma di Giovanni Kyeremateng, che conquista i primi tre punti della stagione nel girone laziale. Savoia che ci mette un po’ a carburare, causa anche il colpo a freddo di Dammarco. Nonostante le varie occasioni è l’ex Nardò a prendersi la gloria andando a siglare la doppietta vicente.

Portici: gli azzurri di Mimmo Panico fermato il gigante Casarano, sfiorando anche il vantaggio nei minuti finali. Un Casarano cinico e un Portici operaio che si affida all’estro di Maione in grande spolvero. Carnevale e proprio l’ex Agropoli sono gli uomini del destino, quelli che conquistano il primo pareggio della stagione.

Polisportiva Santa Maria: la squadra di Gianluca Esposito asfalta il Rotonda, riscattando la sconfitta di rimonta della prima giornata contro la Gelbison, ma anche onorando la prima casalinga in Serie D. Quattro gol che non lasciano repliche ai lucani.

RIMANDATI

Nocerina: fa tutto bene finchè non sparisce a metà del primo tempo dopo il palo di Diakitè. I molossi passano in vantaggio al Giraud, prendendo per le corna un Savoia in cerca di riscatto. Nella ripresa prima su azione e poi su rigore i rossoneri buttano alle ortiche un risultato a loro favorevole.

Nola: ancora una sconfitta, questa volta contro il Latina che strapazza i bruniani tra le mura amiche. Un poker che condanna i bianconeri all’ultimo posto in classifica.

Puteolana: dopo il successo contro il Fasano il crollo contro il Gravina, in terra pugliese. Due gol nel primo e due nel secondo tempo, con un intermezzo di Cavaliere che prova a riaprire, inutilmente, il match. Gravina in pieno dominio e partita mai messa in discussione.

Gelbison: una partita sfortunata per i ragazzi di Ferazzoli, che vengono puniti dalla rimonta del San Luca, in particolare da Bargas. Una tripletta che arriva nella ripresa, con un atteggiamento diverso dei giallorossi. A condannare la partita con probabilità Coulibaly e la sua espulsione, che non mette in condizione la squadra di tenere per un tempo e mezzo in dieci.

Matese: i lupi di Urbano si fanno male da soli. Tre infortuni due di Barbato e uno della difesa, che non marca a dovere Basilico libero di andare a schiacciare in porta il pallone dell’1-0. Poi l’atterramento di Barbato e la strattonata che hanno portato alla tripletta. A poco servono i gol di Abreu e Negro per il momentaneo 2-2.

Giugliano. l’esordio in casa è a dir poco doloroso. La squadra di Carannante crolla sotto i colpi dell’Insieme Formia. Cinque gol all’esordio dopo il rinvio della prima giornata contro la Nocerina.

Nè promosse nè rimandate

Sorrento: i costieri hanno tanto da rimuginare per questa seconda giornata. Un punto guadagnato, certo, ma anche tanti rimpianti per non essere riusciti a concretizzare le occasioni sprecate.

Real Agro Aversa: nonostante la sconfitta c’è da masticare amaro, perchè un pareggio non sarebbe stato rubato. La Real Agro Aversa ha fatto meglio del Brindisi, specie nel primo tempo, quando i salentini si sono fatti vedere da Papa solo in contropiede.

Afragolese: è Pragliola l’uomo del giorno per i rossoblù che in diverse occasioni salva gli uomini di Masecchia dallo svantaggio, in particolare nel secondo tempo.

Gladiator: un passo avanti rispetto alla partita precedente. Un Gladiator propositivo contro l’Afragolese, al quale si oppone solo un ottimo Pragliola.

Condividi