Portici 1906. Azzurri a tinte verdi: la politica giovani paga e soddisfa

Con il pareggio di ieri sul campo del San Ciro di Portici i vesuviani di Mauro Chianese hanno raccolto l settino risultato utile consecutivo. Quindici punti, uno in meno di quanti raccolti nella migliore striscia positiva degli azzurri: 8 risultati utili consecutivi raccolti nella seconda parte del girone di andata.

Il Portici è in crescita costante e se non bastasse la classifica a dimostrarlo, ci sono anche i numeri e le statistiche delle ultime uscite. Nelle ultime sette partite gli azzurri dell’ex Aversa Normanna hanno raccolto quattro vittorie e tre pareggi, segnando 15 gol e subendone solo 5. Sicuramente meglio di quanto raccolto nel girone di andata, che si è chiuso con 21 punti, 16 gol fatti e 25 gol subiti. Un ruolino marcia che a dieci giornate dalla fine del campionato fa sognare in grande la squadra del presidente Lorenzo Ragosta.

Infatti i vesuviani sono al settimo posto, sesto se si considera il pari punteggio con il Gela e a una lunghezza di ritardo sulla zona play-off. Sono 36 i punti in classifica totali, 15 quelli raccolti nelle prime sette gare del girone di ritorno, cioè il 42% del punteggio totale. Risultati che regalano soddisfazioni alla giovane formazione partenopea che è a pochi passi dal raggiungimento del primo traguardo stagionale la salvezza. Due vittorie per raggiungere la quota salvezza, i 42 punti che garantirebbero il mantenimento della categoria.

Un passo certamente avanti non solo rispetto a quanto fatto nella prima parte di stagione, ma anche in confronto al rendimento della passata stagione, quando gli azzurri a tre giornate dal termine del campionato hanno raggiunto la salvezza grazie al distacco superiore a otto punti della diretta concorrente nella zona play-out.

La linea verde paga e lo dimostra il Portici che sta dicendo la sua nel campionato mettendo KO squadre importanti come Messina, Acireale e Gela.

Cristina Mariano