Palermo-Salernitana 1-2. Espugnato il Barbera, la decide Casasola

Renzo Barbera espugnato e primo successo esterno agganciato. La Salernitana di mister Gregucci inizia il nuovo anno con una splendida vittoria. Termina sull’2-1 granata il match di apertura della 20esima giornata di Serie B tra Palermo e Salernitana. Un’impresa vera e propria quella siglata dai granata che rifilano la prima sconfitta casalinga ai rosanero dopo circa un anno di imbattibilità.

IL MATCH ‚Äî Palermo in campo con il solito 4-3-2-1. Brignoli in porta, Rispoli, Szyminski, Rajkovic e Accardi in difesa, Haas, Jajalo e Chocev a centrocampo con Falletti e Trajkovski sulla trequarti a supporto dell’unica punta Moreo. Gregucci risponde a Stellone schierando i suoi con un 3-4-2-1. Micai tra i pali, Gigliotti, Migliorini e Perticone in difesa, Pucino, Akpa Akpro, Di Tacchio e Vitale a centrocampo con Djavan Anderson e Andr√© Anderson sulla trequarti, alle spalle di Jallow. Parte subito forte il Palermo rendendosi pericoloso due volte con Trajkovski che trova un ottimo Micai. I granata al 13′ ci provano con un tiro da fuori di Djavan Anderson, traiettoria sbilenca che finisce comodamente tra le braccia dell’ex Benevento Brignoli. Cinque minuti dopo il Palermo trova la rete del vantaggio con una conclusione velenosa dal limite di Jajalo su assist di Rispoli. Padroni di casa in pieno controllo del match. Al 25′ i ragazzi di Gregucci provano a rispondere con una botta da fuori di Andr√© Anderson, palla deviata sul fondo. Subito dopo sono i rosanero a farsi avanti e a sfiorare la rete del 2-0 con Rispoli che come un fulmine va via sulla destra fa secco in dribbling Akpa Akpro e calcia, ma l’ex Parma trova un reattivo Micai. I granata fanno davvero fatica a trovare varchi per fare male l’attuale capolista della serie cadetta. Solo nel finale arriva la prima vera chance da gol per la Salernitana con una botta di Jallow, conclusione respinta repentinamente. Proprio qualche istante dopo gli ospiti pescano il jolly con Andr√© Anderson che sfrutta una sfera mal respinta dai rosanero per far partire un bolide che non da scampo a Brignoli. Si chiude sull’1-1 il primo tempo al Renzo Barbera.

Cos√¨ come la prima frazione, anche la ripresa inizia su ritmi spumeggianti. I granata si fanno vedere subito con un tiro da distanza siderale di Akpa Akpro, palla di poco fuori. Il Palermo attacca ma non morde. La Salernitana sin qui regga l’urto alle offensive dei rosanero. Al 57′ ci prova Djavan Anderson dal limite, traiettoria che si spegne sul fondo. Al 65′ è ancora la compagine granata a rendersi pericolosa. Il cavalluccio cerca di impensierire Brignoli su calcio di punizione battuto da capitan Vitale, palla di poco fuori. Guai per Gregucci al 71′. Il tecnico granata è costretto ad un cambio obbliato, fuori Akpa Akpro, andato ko dopo uno scontro con un giocatore rosanero, dentro il neo acquisto Joseph Minala. Terza stagione alla corte del cavalluccio per il centrocampista camerunese di proprietà della Lazio. All’81’ i granata si rendono minacciosi con Jallow che prova la conclusione, palla in corner. Proprio da calcio guadagnato dall’ex Cesena che la Salernitana arriva ad un passo dalla rete del vantaggio. Dalla bandiera va Vitale che pesca la testa di Migliorini, il quale indirizza in porta, ma Puscas salva tutti respingendo di testa. Dopo la chance granata a rendersi pericoloso è il Palermo. A fare male i granata è Rispoli che prima semina tutti in velocità e poi calcia, non vedendo però Falletti da posizione migliore della sua, palla comodamente tra le braccia di Micai. Nei minuti finali le due squadre non si risparmiano e continuano a darsi battaglia. Proprio al fotofinish i granata trovano un varco per partire in contropiede. Offensiva micidiale che vede i granata agganciare la rete del vantaggio con un gran diagonale del neo entrato Casasola. Termina sul 2-1 granata al Renzo Barbera. Cade la capolista Palermo. La Salernitana espugna la tana dei rosanero, agganciando la prima vittoria esterna. Primo ko per i siciliani sotto la gestione di Roberto Stellone.

IL TABELLINO DEL MATCH

PALERMO-SALERNITANA 1-2 ( 1-1 pt)

PALERMO (4-3-2-1): Brignoli, Rispoli, Szyminski, Rajkovic (48′ Pirrello), Accardi (Salvi 84′); Haas (59′ Puscas), Jajalo, Chocev; Falletti; Trajkovski, Moreo.

A disposizione: Pomini, Avogadri, Ingegneri, Pirrello, Salvi, Fiordalino, Murawski, Embalo, Puscas. Allenatore: Roberto Stellone.

SALERNITANA (3-4-2-1): Micai, Gigliotti, Migliorini, Perticone, Pucino, Akpa Akpro (73′ Minala), Di Tacchio, Vitale, D. Anderson (80′ Casasola), A. Anderson, Jallow (Djuric 85′).

A disposizione: Russo, Vannucchi, Mantovani, Casasola, Minala, Mazzarani, Rosina, Orlando, Djuric, Bocalon, Vuletich. Allenatore: Angelo Adamo Gregucci.

Direttore di gara: Federico Dionisi di L’Aquila

Assistenti: Davide Imperiale (sez. Genova) ‚Äì Niccolo’ Pagliardini (sez. Arezzo)

Quarto uomo: Fabio Piscopo (sez. Imperia)

Ammoniti: Migliorini (54′), Pirrello (59′), Jajalo (70′), Chochev (79′), Di Tacchio (83′)

Espulsi:

Marcatori: Jajalo (17′), A. Anderson (41′), Casasola (93′)

Tiri: 7-7

Tiri in porta: 5-4

Fuorigioco: 3-2

Corner: 5-3

Recupero: 0′ (pt), 6′ (st)

 

Nunzio Marrazzo

Condividi