Napoli-Juventus. Allegri: “Sarà un grande match, affronteremo una delle favorite per lo scudetto”

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, in vista del match contro il Napoli (domani ore 18:00 – Stadio Diego Armando Maradona / 3^ giornata di Serie A).

Queste le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore bianconero: “Sarà sicuramente una bella partita perché forniamo una squadra con grandi valori tecnici e in un buon momento. Fare la formazione non è difficile perché ne ho pochi, ho scelto di lasciare i sudamericani a casa. Cuadrado era l’unico che poteva venire ma non è potuto partire perché ha avuto un attacco di gastroenterite ed è in colomba per accertamenti. De Winter, Soulé e Miretti verranno con noi e magari ci sarà spazio. Non deve essere un alibi però, cercheremo comunque di fare risultato. Chiesa? Ha avuto un risentimento muscolare, a livello precauzionale preferisco lasciarlo fuori. C’è il rischio in una partita di grande intensità come quella di domani. De Sciglio e Pellegrini sono pronti, dovrà valutare chi far giocare. Accorgimento tattico? Lo dovrò valutare oggi. Ma la parola emergenza non c’è, domani abbiamo la formazione ideale per giocare contro il Napoli. È una partita stimolante e penso che nelle difficoltà dobbiamo tirare fuori qualcosa in più. Le prestazioni restano sempre le stesse, poi per me il risultato conta sempre e vabbè, qualcuno metteva anche in discussione questo. La gestione dell’imprevisto bisogna allenarla e migliorarla, ci sono troppe situazioni che non sono decifrabili prima della partita che bisogna giocare con tranquillità e forza mentale. Classifica? Con calma arriviamo, non c’è fretta. Capisco che 5 punti dopo 2 partite, ma rimetteremo il campionato in piedi. L’obiettivo è sempre quello di essere competitivi a marzo ed essere dentro tutte le competizioni. La squadra è ottima, normale che ci sia da migliorare. Crescere come autostima e gruppo e i risultati aiutano. Szczesny a parte Udine ha fatto bene contro l’Empoli. Lui è il titolare. Kean l’ho trovato bene, nel PSG ha fatto diversi gol, lo abbiamo voluto e sarebbe arrivato a prescindere da Ronaldo. Da quando ho iniziato ad allenare accetto il calendario e l’orario delle partite. Contro l’Empoli abbiamo perso, ci dovevano applaudire? La falsa partenza ci metterà nelle condizioni di fare qualcosa in più. Il Napoli è una delle candidate allo scudetto, il campionato è lungo noi non dobbiamo perdere l’equilibrio”.