Napoli-Benfica 4-2. Azzurri a valanga, ma che rischio

Il Napoli conquista altri 3 punti nell’impegno di Champions League contro il Benfica. Gli azzurri di Maurizio Sarri si impongono con decisione sul proprio campo di gioco continuando l’imbattibilità sul terreno del San Paolo.

La squadra partenopea compie vendetta contro i portoghesi che nell’era Reja hanno cacciato il Napoli dall’Europa League in occasione dei preliminari.

Gli azzurri passano in vantaggio nel primo tempo con un colpo di testa di Marek Hamsik. E’ il ventesimo di gioco e i padroni di casa godono di calcio di punizione, trasformato proprio dalla capocciata del capitano. Le occasioni ci sono anche per gli ospiti, ma Pepe Reina riesce a salvarsi e la retroguardia ad allontanare. Sono almeno due le palesi palle gol non concretizzate dalla squadra di Rui Vitoria, proprio per merito della difesa azzurra.

Nel secondo tempo, cos√¨ come nel primo, gli azzurri partono con decisione alla ricerca del raddoppio. Napoli padrone del campo, nonostante i ossi macinino gioco e chilometri. I padroni di casa non rischiano. Il raddoppio azzurro arriva al 51′ grazie ad un altro calcio di punizione. Dries Mertens se lo guadagna, atterrato da Lisandro Lopez, lo batte e lo trasforma. Julio Cesar è battuto ed è lo stesso portiere brasiliano ex Inter a propiziare il terzo gol del Napoli. Callejon si inserisce palla al piede in area di rigore, l’estremo difensore lo atterra. Per il direttore di gara non ci sono dubbi. Trasforma Milik, che già a pochi secondi dall’inizio del match testa i riflessi del portiere avversario.

Al 58′ arriva la doppietta di Dries Mertens ed il quarto gol di giornata. Milik da bomber si traveste da assist-man e serve il compagno, Mertens, che sotto porta e senza tante difficoltà insacca per il poker. Con quattro gol di scarto il Napoli non si sente sazio e sfiora ripetutamente il pokerissimo. Julio Cesar, però è attento. Con il passare dei minuti la difesa azzurra cala di concentrazione e al 70′ concede un contropiede al Benfica, che con il neo entrato Guedes segna il gol del 4 a 1, una marcatura da cineteca. I minuti scorrono, la squadra di Sarri tentano di non staccare completamente la spina, ma all’86’ arriva il raddoppio dei portoghesi con Salvio. Difesa completamente distratta e saltata da un inserimento del giocatore portoghese. Sulla scia dell’entusiasmo, gli ospiti provano ad accorciare ulteriormente le distanze, non riuscendoci.

Prova dalla doppia faccia quella del Napoli, che mantiene il primato nella classifica del girone B, vincendo la seconda partita. Intanto in Turchia il Besiktas guadagna un altro pareggio, contro la Dinamo Kiev.

Cristina Mariano

Condividi