Mazara-Sorriso continua il botta e risposta, il direttore Licata: “Comportati come da accordi”

Continua il botta e risposta tra Ambrogio Sorriso e il Mazara Calcio. Il direttore sportivo Bartolomeo Licata, infatti, ha inviato alla redazione un messaggio in cui esprime la posizione della società siciliana nei confronti dell’attaccante napoletano.

“L’atleta Sorriso è arrivato a Palermo alle 6 del mattino -si legge nel messaggio di Licata-  e da accordi preso come me arrivava a Mazara con il pullman. comunque sul fatto della camera, ci siamo adoperati subito a sistemarla, comunque il ragazzo è arrivato a Mazara ma ha manifestato subito l’intenzione di andare via”. 

Non tarda ad arrivare, però, la risposta del calciatore: “Ho messaggi e foto, oltre che vocali del presidente del Mazara. Non è vero che dovevo arrivare in pullman, sarebbero dovuti venire a prendermi. E’ ovvio che manifesto la volontà di andare via, se appena arrivato mi dicono di andare a riposare e trovo la camera sporca. Non fanno tamponi da un mese, arriva un altro ragazzo che deve dormire nella stessa camera e non ha fatto i tamponi. Di cosa parliamo? In cosa si sono adoperati?”.