Juve Stabia. Ormai è buio pesto. Braglia: In casa non riusciamo a sbloccarci

L’ennesima sconfitta subita dalla Juve Stabia tra le mura amiche del Menti ha messo in evidenza tutti i limiti della compagine allenata da Mister Braglia. Come affermato qualche giorno fa dallo stesso allenatore grossetano, le Vespe non sono ancora una squadra, a causa dei molti innesti del mercato estivo che fanno fatica ad integrarsi tra di loro. Ieri, ad esempio, i gialloblu erano partiti bene ed avevano dato filo da torcere all’Empoli almeno fino alla prima mezz’ora, quando cioè era stato costretto ad abbandonare il campo Scozzarella, vero e proprio motore del gioco e fino ad allora autore di un’ottima prestazione. Perso il proprio faro in mezzo al campo, gli uomini di Braglia si sono disuniti, hanno cominciato ad arretrare pericolosamente il proprio baricentro, venendo poi inevitabilmente puniti da una squadra cinica come quella toscana. I gol degli ospiti sono arrivati ancora una volta da disattenzioni difensive: sul primo gli esterni, Ghiringelli e Vitale, hanno sbagliato la trappola del fuorigioco, e sono stati puniti da Tavano; sul secondo Murolo si è fatto sorprendere dal neoentrato Mchedlidze, che poi, con l’aiuto del palo, è riuscito a trafiggere Calderoni. Gli errori difensivi, però, sono acuiti dalla totale sterilità delle punte. Di Carmine e Sowe fanno fatica ad interagire tra di loro, il giovane Baraye ci mette tanta buona volontà, ma poco più. Nonostante il quadro si a dir poco disastroso, Mister Braglia non perde la speranza. Nel dopo gara di ieri ha cos√¨ cos√¨ commentato l’ennesima sconfitta dei suoi: Speravo di tornare in panchina e raccogliere qualche punto che desse morale all’ambiente. Abbiamo preso un gol a difesa schierata. Non abbiamo subito tanto, ma dopo il gol siamo andati in bambola. Resto comunque della convinzione che basterebbe un risultato positivo per cambiare la situazione, ma in casa proprio non riusciamo a sbloccarci. I ragazzi hanno dato il massimo, per questo negli spogliatoi non ho detto nulla.

Condividi