Juniores. Pari e spettacolo tra V.Scafatese e A.Vesuvio

VIRTUS SCAFATESE – ATLETICO VESUVIO: 1 – 1

MARCATORI: 12’st Cirillo (VS), Altezza (AV)

VIRTUS SCAFATESE (4-2-4): Varone; Ricciardi, Nasto, Martone, Aiello; Mastronardi, Alfano; Del Gaudio (41’st Guastafierro), Ascione, Cirillo, Manzo. A disposizione: Antonio Vitiello, Andrea Vitiello. All. Domenico Gallo

ATLETICO VESUVIO (4-3-1-2): Costagliola; Terracciano, Cantone, Ceparano (33’st Polese), Guarino; Boccia, Rapicano (22’st Cozzolino), Marsicano; Altezza; Coppola, Cortese (21’st Guida). A disposizione: Urciuolo, Cefariello. All. Francesco Gioia

ARBITRO: Salvatore Vergati di Nocera Inferiore

NOTE: Corner: 3 – 6. Recuperi: 0’pt, 5’st. Ammoniti: Alfano, Nasto, Mastronardi, Ascione (VS), Terracciano, Coppola, Polese (AV). Espulsi: Ascione al 23’st per doppia ammonizione.

Pari e spettacolo al Comunale fra le due juniores, che fanno capo alle rispettive 1¬∞ squadre, altrettanto capoliste, Atletico Vesuvio (Promozione Girone B) e Virtus Scafatese (Eccellenza Girone B). Le due compagini si presentano all’ appuntamento entrambe a punteggio pieno dopo due gare. Per i padroni di casa esordisce alla guida tecnica Domenico Gallo che rimpiazza il dimissionario Baino e che dispone nell’ undici iniziale del gioiellino di casa Ascione, protagonista nella trasferta di Faiano, oltre che il apitano Camillo Cirillo. Le due squadre dal primo minuto si affrontano a viso aperto e giocano un buon calcio, protagonista è proprio Cirillo che con le sue giocate apre molti spazi nella difesa avversaria ma Ascione incespica e si fa recuperare. Dagli esterni, i padroni di casa, trovano maggiori soluzioni ma l’ ottima apertura di Cirillo viene vanificata da Manzo che manda alto. Gli ospiti rispondono con iniziative singole come quelle di Marsicano che mostra grande propensione al dribbling, le sue conclusioni sono controllate a vista dall’ estremo Varone. Ascione soffre la posizione dietro la punta Cirillo, allora il tecnico passa ad un 4-4-2, con il numero 7 che si riprende la fascia di sinistra. Alla mezz’ ora i “wonder boy” di mister Gallo, Manzo-Ascione-Cirillo, effettuano un ottima triangolazione, quest’ ultimo però spreca alto in piena aria di rigore. Prima della chiusura della prima frazione tre acuti degli ercolanesi: Altezza su punizione impegna Varone in due tempi, Marsicano prima in dribbling, ne supera 4, conclusione murata dal portiere, poi colpisce un palo con piattone da fuori area. Nella ripresa Cirillo si carica la squadra sulle spalle ed al 12′ parte dalla mediana, sguscia via a Cantone e da posizione defilata insacca. Le squadre si allungano ed il grosso dispendio di energie si fa sentire, soprattutto Ascione che commette fallo in scivolata beccandosi il secondo giallo con conseguente espulsione, verrà portato, a braccia, fuori dal terreno di gioco causa crampi. Gli ospiti a questo punto capiscono che gli avversari sono in difficoltà ed alzano il baricentro, rispondono gli scafatesi con ripartenze e lampi improvvisi come quello di Mastronardi che prova l’ eurogol direttamente da centrocampo con un campanile che con una intervento del portiere viene sventato in corner. Il forcing degli ospiti si fa sentire, mentre gli avversari, nelle gambe, non ne hanno proprio più. Coppola gira in aria di prima intenzione ma la palla esce di un soffio a lato. Minuto 89′ giunge il pareggio grazie ad un rimpallo rocambolesco in seguito ad un disimpegno di Ricciardi che colpisce la nuca dell’ avversario, si trasforma in un assist per Guida che serve di prima Altezza, il trequartista ercolanese raccoglie ed appoggia nel sacco. Un pari che tutto sommato ci può stare, resta il rammarico di una panchina troppo corta per la Virtus Scafatese, appena tre atleti. Soddisfatto il neotecnico a fine gara che solo in settimana potrà cominciare a lavorare a 360¬∞. Le due compagine hanno comunque lasciato intendere di essere destinate come protagoniste del campionato.

Condividi