Givova Scafati. Rossato ad un passo dalla gloria: stoici ma non basta, passa Bologna

Una partita al cardiopalma al PalaMangano. La Givova Scafati ospita l’aspirante campione d’Italia Virtus Segafredo Bologna sfiorando il ribaltone a 10” dalla fine del match. Passano gli uomini di Scariolo con il punteggio di 83-81.

Primo tempo a metà: Givova Scafati si perde nel secondo quarto

Un primo tempo di fuoco e fiamme sul parquet del PalaMangano, dove la Givova Scafati si è giocata la salvezza contro la Virtus Bologna. Il primo quarto regala gioie proprio alla formazione di casa, chiudendo la frazione sul 18-15. Tre punti di distacco che fanno stare sereni, ma non tranquilli i gialloblù. Per le V Nere tanti gli errori sotto il cotone da parte di Shengelia, che alla fine riesce a segnare. Ne approfitta Scafati con uno sprint di Thompson che dopo 10′ è a 6 punti e altrettanti rimbalzi.

Scafati prova a mettere subito un distacco con gli avversari, che riescono a rimanere in scia, affacciandosi anche davanti. Bravo il quintetto di Sacripanti a riprendersi il vantaggio, toccando il massimo distacco di +5.

Nel secondo periodo De Laurentiis regala i primi due tiri liberi per i felsinei con Teodosic che si dimostra subito in forma andando ad attaccare l’uno contro uno, ma anche andando a segnare senza tanti fronzoli. Si prende il fallo e il giro dalla lunetta. Con Weems la Virtus passa in vantaggio, ma arriva subito la risposta da tre punti di Rossato, che regala un grande assist per Krampelj. Il massimo vantaggio di Scafati torna poi sul +5 grazie ad un bellissimo tunnel di De Laurentiis ai danni di Teodosic per Logan che mette a segno la tripla.

Arriva, però, la vendetta per il giocatore di Bologna, che al nuovo possesso risponde dall’arco per il nuovo -2. Krampelj si rende protagonista in maniera positiva nel secondo quarto, riuscendo a segnare ancora guadagnando un fallo e due tiri liberi. Il vantaggio di Scafati dura pochi possessi ancora, perchè con Shengelia e un indomito Teodosic le V-Nere trovano il pareggio prima e il sorpasso poi.

Il quintetto di Scariolo mette a segno un break di 0-16 che viene interrotto da Pinkins che subisce fallo. Indomabile Hackett che mette a segno tre triple consecutive, che contribuendo a toccare il massimo vantaggio di +12. L’ala di Scafati, però, mette in canestro solo un libero su due. Si fa, però, perdonare al possesso successivo conquistando una giocata da tre che viene realizzata e porta la Virtus Bologna a bonus.

Scafati riesce a mangiucchiare punti grazie al fallo tecnico di Belinelli e all’assist di Thompson su Rossato che segna la tripla. A segno un’azione da quattro che vale il -4. Al riposo, però, si arriva con il -6 messo a segno dal tandem Belinelli-Teodosic.

Givova Scafati Basket

Dall’abisso alla possibile vittoria: Rossato trascina Scafati

Nella ripresa una stoica Givova prova l’impresa. Nel tempo periodo si parte con i motori a palla per Scafati che trova finalmente Okoye. L’ala trova 5 punti in pochi possessi. Thompson contribuisce al non avanzo offensivo di Bologna con l’ennesimo ribalzo difensivo, ma non serve a disintegrare le forze avversarie. La Virtus Segafredo si riporta al +11 con Hackett e Belinelli per il 39-48. Break si 3-12 per le V-Nere che viene interrotto da Imbrò. L’ex Trento trova la palla da 3 e viene seguito da Okoye.

Sul -5 per, i gialloblù si scavano quasi a fossa andando a bonus a oltre 5′ dalla fine. La dea bendata, però, non punisce Scafati, che vede il possibile punteggio di Bologna dalla lunetta dimezzato. Bako e Mickey non vanno oltre l’1 su 2. Rossato dall’arco accorcia il distacco con la settima tripla a segno consecutivamente in due gare, la terza in quella contro Bologna, ma subito dopo Teodosic senza pietà si prende il fallo e allunga il distacco.

I punti oscillano per diversi possessi, con Scafati che tocca per pochi secondi il -2, poi allungato dai felsinei. All’ultimo quarto si arriva con un -5 che mantiene accese le speranze dei padroni di casa. L’ultimo quarto, difatti, si rivela al cardiopalma.

Nonostante sia proprio la Virtus Bologna a segnare per prima è anche la prima a raggiungere i cinque falli di squadra. La Givova ne approfitta, nonostante una tripla di Pajola potrebbe tagliare le gambe ai padroni di casa. Nuovo +7 per il quintetto nero, ma tanti punti rosicchiati da Scafati proprio dalla lunetta. Break di 0-5 per Rossato e i suoi, che vanno a -3. Logan potrebbe arrivare anche a -1 dal sorpasso, ma il suo tentativo di rubar palla viene considerato falloso.

Scafati raggiunge il bonus e l’equilibrio si gioca proprio dalla lunetta. Entrambe le squadre cercano di sfruttare a pieno l’occasione, ma chi ha la meglio è proprio la Givova. Thompson e Pinkins riescono a mantenere a galla la propria squadra con un altro fallo subito dal primo e una tripla del secondo. Virtus in attacco e Belinelli commette fallo su Rossato forzando il passaggio. Fischio in favore di Scafati e rimessa a suo favore. Ci provano con un’azione che porta proprio il capitano al tiro da 3. Il canestro, però, la sputa fuori per il definitivo 81-83.

Tabellino

Givova Scafati Basket-Virtus Segafredo Bologna 81-83 (18-15; 19-28; 22-21; 22-19)

Givova Scafati Basket: Thompson 15, Okoye 5, Sangiovanni NE, Mian 0, Krampelj 6, Pinkins 12, De Laurentiis 4, Rossato 15, Imbrò 9, Tchintcharauli NE, Logan 13, Hannah 2. Allenatore: Stefano Sacripanti

Virtus Segafredo Bologna: Faldini NE, Belinelli 11, Pajola 3, Bako 5, Shengelia 15, Hackett 15, Menalo 0, Mickey 9, Camara NE, Weems 7, Ojeleye 3, Teodosic 16. Allenatore: Sergio Scariolo